All’Ippodromo Capannelle la festa del trotto con il Gran Premio Triossi e il Gran Premio Turilli

L’appuntamento è fissato per il pomeriggio di lunedì 29 giugno a partire dalle ore 16.00. La novità di quest’anno è che il Triossi sarà affiancato dal GP intitolato a Gaetano Turilli

Grande festa del trotto all’Ippodromo Capanelle. L’appuntamento è fissato in calendario per il pomeriggio di lunedì 29 giugno a partire dalle ore 16.00.  La giornata è dedicata al Gran Premio Triossi e al Gran Premio Turilli. Come da tradizione, la ricorrenza dei Ss. Pietro e Paolo rappresenta un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati del trotto. Storicamente è la giornata in cui si disputa il Gran Premio Tino Triossi, una delle tre prove di gruppo 1 riservate ai quattro anni, che assieme al Gran Premio d’Europa e al Gran Premio Continentale, costituisce quella che può essere definita la triplice corona del trotto italiano nella stagione post derby.

La novità dell'edizione 2020

La novità di quest’anno è che il Triossi sarà affiancato dal GP intitolato a Gaetano Turilli, la corsa riservata ai cavalli di 5 anni e oltre, che il 26 dicembre del 1959 inaugurò l’ippodromo di Tor di Valle. Lunedì il trotto romano celebra due grandi dell’ippica italiana: Tino Triossi, gentleman e per undici anni presidente dell’Anact, che dopo essere stato tra i fondatori dell’ippodromo dell’Arcoveggio di Bologna gestì l’ippodromo romano di Villa Glori; e Gaetano Turilli che collaborò con lui a Villa Glori e poi di fatto fu tra i principali artefice della nascita dell’ippodromo di Tor di Valle.

Il Gran Premio Triossi

Tredici i concorrenti al via, la metà dei quali allenati dal team Gocciadoro. Corsa stimolante che è l’occasione per un nuovo confronto tra i due soggetti sinora più in vista della generazione: il vincitore del Derby Alrajah One e quello dell’Orsi Mangelli Axl Rose. Il primo viene dalla squillante affermazione a media record nel Città di Padova dello scorso 13 giugno. L’altro ha effettuato la prova di preparazione proprio sull’anello della via Appia un giorno prima destando comunque una buona impressione.
Nel mezzo altri undici avversari alcuni dei quali molto insidiosi come ad esempio Amon You Sm che potrebbe essere un fattore decisivo soprattutto nella fase iniziale della corsa o magari Aramis Ek che a Padova, su una pista a raggio ridotto e quindi con una curva in più da effettuare ha girato costantemente all’esterno del vincitore riuscendo ancora ad aggiudicarsi la piazza d’onore. O ancora Always Ek a suo agio sulle lunghe distanze come dimostrano le tre vittorie ottenute durante la stagione invernale all’ippodromo parigino di Vincennes.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Gran Premio Turilli

L’edizione 2020 vede schierati al via tredici concorrenti con tutto il meglio proponibile dal pianeta indigeni e “free for all” (undici contro due cavalli nati in Svezia) appartenenti a scuderie italiane, con la stella luminosissima del fresco recorder mondiale in pista da mezzo miglio (l’ 1.09.3 realizzato il 13 giugno a Padova) Zacon Giò. A dir poco rinfrancato dalla prestazione esplosiva fornita sull’anello patavino, l’indiscusso leader fra i nostri indigeni anziani ha così cancellato con un solo, secco, inequivocabile colpo di spugna i dubbi sorti sulla sua condizione a seguito del deludente quarto posto ottenuto al rientro nella Copenaghen Cup (unica sconfitta del figlio di Ruty Grif nelle quindici corse disputate dal 25 ottobre del 2018 fino ad oggi) . Il vincitore dell’International Trot (nel mese di ottobre allo Yonkers di New York) e del Gran Premio Unione Europea, torna così sulla pista romana il vincitore della scorsa edizione del Gran Premio Tino Triossi (vedi foto allegata) e sarà l’indiscusso favorito dell’edizione 2020 del Gran Premio Turilli. Un altro campione assoluto che risponde al nome di Vivid Wise As, senza dimenticare l’anziano ma indomito Arazi Boko, la femmina Sharon Gar, il regolare Deimos Racing e le altre due femmine Ursa Caf e Vanesia Ek.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento