Ferrero: "Comprerei la Roma anche domani"

Il presidente della Samp: "Potevo prenderla prima dell'arrivo di Pallotta, ma dissi di no. Hanno espropriato l'impero della famiglia Sensi"

"Se ci fosse la possibilità, prenderei la Roma anche domani". Così Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, a margine dell'incontro con gli studenti della LUISS.

Er Viperetta è tornato a parlare della possibilità di diventare suo presidente: "Se ne parlava nel 2010, prima dell'arrivo di Pallotta. Dopo la morte del grande Franco Sensi - rivela Ferrero -, alla figlia Rosella è stata espropriata la società, e non solo. Avevano un impero, sono rimasti con una casetta. Mi avevano proposto la Roma e io dissi no".

"Ero romanista così come la mia famiglia, Ma tra la passione e le follia per una squadra c'è differenza, io mi sono fermato alla passione. Nella mia vita ci sono altri interessi".

"Mi trovo in un momento in cui i tifosi mi minacciano, vogliono Vialli. Venisse, ma io ho dato un valore alla società. Non voglio esagerare la verità, ma quando sono entrato a Bogliasco ho visto come prima cosa un cancello rotto. Ho fatto il centro sportivo nuovo, ho preso tutte le concessioni. Ho fatto alche i campi dei portieri oltre l’hotel nuovo, in cui i giovani studiano anche. Prendo giocatori a 20/25 milioni perché adesso vengono. Oggi potrei essere pronto per andare alla Roma o un club di prima fascia. Ho messo in vendita la Sampdoria perché non posso fare di più" ha concluso Ferrero.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

Torna su
RomaToday è in caricamento