Calciomercato: la Roma pensa al dopo Manolas, si punta sul made in Italy

Manolas è seguito con insistenza dal Manchester United, pronto a pagare i 36 milioni della clausola

La Roma approfitterà della finestra di mercato di gennaio, anche per strizzare un occhio al futuro. A giugno dove, in entrata e in uscita, ci sarà la solita rivoluzione. Kostas Manolas è tra i più indiziati a lasciare Trigoria. 

Il Manchester United sarebbe pronto a pagare i 36 milioni della clausola, e il club giallorosso vuole tutelarsi in caso di partenza del greco. Insomma un pezzo grosso potrebbe lasciare i giallorossi che, quindi, si guardano intorno. Il ds Monchi, su indicazione di James Pallotta e della proprietà romanista, starebbe pensando di puntare su giocatori giovani che, però, già conoscono la Serie A.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due nomi caldi sono quelli di Gianluca Mancini e Daniele Rugani. Per il centrale dell'Atalanta i capitolini vogliono porre le basi a gennaio per poi prenderlo a giugno. Il difensore della Juventus, invece, non trova spazio in bianconero e gradirebbe un trasferimento. Due operazioni fattibili che, in prospettiva, garantirebbero alla Roma due centrali di sicura prospettiva. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

Torna su
RomaToday è in caricamento