← Tutte le segnalazioni

Altro

Il Municipio XIV non ricorda

Largo Ines Bedeschi · Selva Candida

Mancavo da Piazza Bedeschi da un po' di mesi. E con mia sorpresa non ho più trovato la targa posata nel 2015 per ricordare le martiri della Guerra di Liberazione a cui tante strade di Selva Candida e Selva Nera sono intitolate. Avevo letto dell'atto vandalico, ma sinceramente avevo dato per scontato che il Municipio si sarebbe adoperato immediatamente per cancellare il danno. E invece no. Cicerone ci insegna che "la memoria è tesoro e custode di tutte le cose", tesoro appunto e come si fa a non aver cura di un tesoro?

E tutti sappiamo che perdere il passato equivale perdere il futuro perché siamo condannati a commettere gli stessi errori. Non possiamo dimenticare che il nostro Paese di recente (70 anni nella storia sono davvero pochi) ha vissuto una guerra civile e che c'è chi ha scelto di stare dalla parte giusta, al netto del sangue dei morti che sempre va rispettato di qualunque parte sia. È vero, restano le strade del quartiere a tenere viva quella memoria.

Ogni volta che scriviamo Piazza Ines Bedeschi, via Livia Bianchi, via Irma Bandiera, Via Clorinda Menguzzato e così via per dare il nostro indirizzo a qualcuno il respiro di queste donne morte perché oggi avessimo la libertà e la "Costituzione più bella del mondo" non può non toccarci. Ma una amministrazione pubblica, come un Municipio, che non dà segnali contro questi atti vandalici, non si può giustificare. Ida Dragonetti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
RomaToday è in caricamento