Scuole: da Roma alla Finlandia per uno scambio culturale

Scambio culturale tra l'istituto comprensivo "Regina Elena" di Roma e una scuola scandinava

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Dopo il progetto pilota dello scorso anno, anche quest’anno l’istituto comprensivo “Regina Elena” di Roma ha partecipato allo scambio didattico educativo in Finlandia. La novità è stata la presenza di alcuni alunni della scuola primaria, prima scuola in Italia a sperimentare questo scambio. 9 alunni della scuola secondaria di primo grado e 5 della scuola primaria sono stati ospitati per una settimana dalle famiglie finlandesi dove hanno condivido non solo le abitudini quotidiane ma anche le esperienze didattiche. Gli alunni, infatti, hanno avuto modo di frequentare la scuola del posto, partecipare a laboratori, a lezioni in lingua di storia e cultura del paese e fare escursioni e visite guidate sul territorio. “E’ stata un’esperienza formativa importante”- ha dischiarato la dirigente scolastica, Rossella Sonnino, promotrice di questo scambio- “il confronto con cultura e stili di vita completamente diversi ha dato agli alunni l’opportunità di crescere e di aprire la propria mente in un’ottica internazionale di cittadini del mondo. Confrontarsi inoltre con un’organizzazione didattica, tra le la migliore al mondo, ha consentito loro infatti di sviluppare il sentimento di appartenenza all’Europa, permettere di scoprire la diversità dell’Europa, educare alla cittadinanza europea e scoprire altri modi di vivere, altri costumi motivandoli anche all’apprendimento delle lingue straniere.” Per alcuni ragazzi è stata la prima esperienza all’estero che ha richiesto forte capacità di adattamento, autonomia e voglia di mettersi in gioco, ha contribuito in modo importante alla formazione degli alunni aprendo e sviluppando il concetto di intercultura attraverso il contatto diretto, obiettivo che la scuola moderna vuole raggiungere.

Torna su
RomaToday è in caricamento