Scuola, De Palo: "Nostro modello educativo è più apprezzato all'estero che nella nostra città"

L'assessore alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, Gianluigi De Palo, ha incontrato oggi una delegazione di 15 direttori di scuole dell’infanzia provenienti da Seul

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

de-palo_1_original"Il ‘Modello Roma’ a livello educativo sembra essere più apprezzato all’estero che nella nostra città". Così l’assessore alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, Gianluigi De Palo, a margine dell’incontro avvenuto oggi in assessorato con una delegazione di 15 direttori di scuole dell’infanzia provenienti da Seul. I delegati si sono poi recati nella scuola materna "La valletta incantata", nel XII Municipio, per incontrare gli insegnanti e conoscere il modello educativo della Capitale.

"Questa - prosegue De Palo - è la seconda delegazione coreana che viene a farci visita. La scorsa settimana è stata la volta di un gruppo di docenti giapponesi. E abbiamo richieste simili da dirigenti educativi di Lettonia e Svezia. Dai semi si riconosce il frutto: per un futuro migliore di questo mondo un po’ in difficoltà dobbiamo tutti investire il più possibile sull’educazione dell’infanzia".

"Sappiamo - aggiunge l’assessore - quanto siano importanti, nel patto educativo tra scuola e istituzioni, la qualità dell’offerta e le capacità dei docenti. Per questo, la strategia di formazione e aggiornamento del personale educativo e scolastico di Roma Capitale è l’unica, tra quelle delle grandi città italiane, ad essere gestita interamente a livello centrale ed è quella con il maggior numero di operatori coinvolti, quasi 8 mila, e il più alto ammontare di ore di formazione, circa 200 mila. Come tutte le grandi città, anche la nostra ha alcuni problemi, ma l’ambito educativo - conclude De Palo - era e resta un fiore all’occhiello".

I più letti
Torna su
RomaToday è in caricamento