Tridente, freno improvviso sulla Ztl: le multe slittano. In dubbio il divieto per gli scooter

Il pre esercizio continuerà fino a fine giugno. Ma l'intero pacchetto di misure potrebbe partire direttamente a settembre, dopo il pressing dei commercianti della zona

Immagine d'archivio

Doveva partire oggi, e invece dal Campidoglio è arrivato un freno tutto politico. L'accensione dei varchi nell'area del Tridente, tra piazza del Popolo, via di Ripetta, via del Corso, piazza di Spagna, non avverrà prima di luglio. In dubbio il divieto esteso agli scooter, un unicum per le aree a traffico limitato del Centro storico, che la sindaca Virginia Raggi vorrebbe forse rivedere. Il passo indietro è quanto meno possibile. Intanto, nella riunione tecnica di venerdì, con assessorati e agenti della polizia locale, si è scelto di prendere tempo. 

"E' solo un modo per informare meglio la cittadinanza" assicura a RomaToday il consigliere Enrico Stefàno, fino a maggio presidente della commissione Mobilità, poi sostituito da Pietro Calabrese. Ufficialmente quindi, "non si tratta di un passo indietro". Sarà, ma è stata proprio Raggi a chiedere uno stop per ripensare il tutto. Ricordiamo che il divieto fa parte di un pacchetto di misure del 2014, voluto dall'ex sindaco Ignazio Marino, ma senza la mannaia delle foto scattate dagli occhi elettronici con sanzioni annesse, i romani lo hanno per lo più ignorato. 

L'amministrazione M5s l'ha recuperato dalla scrivania, manifestando fin dall'inizio la volontà di concretizzare lo stop. E la prima a metterci la faccia è stata proprio l'assessore alla Mobilità Linda Meleo, che con i commercianti - contrarissimi al provvedimento - e con il municipio a guida Pd ha sempre tenuto il punto: indietro non si torna. Anzi no, forse, ci si torna eccome. Perché a smentire tutto e tutti, ci avrebbe pensato direttamente la sindaca. 

Resta quindi la fase di pre esercizio fino al 30 giugno, "al fine - ufficialmente - di promuovere una maggiore comunicazione alla cittadinanza rispetto al nuovo sistema di controllo dei varchi elettronici per la rilevazione automatica degli accessi". Come comunicato da Agenzia Roma servizi per la mobilità. I sei varchi, attivi dalle 6 e 30 alle 19 esclusi i festivi (dalle 10 il sabato), restano spenti ma presidiati dalla Polizia di Roma Capitale, con il personale di Roma Servizi per la mobilità che continuerà a distribuire materiale informativo ai cittadini. 

Per quanto riguarda invece l'attivazione dell'intero pacchetto di misure, con o senza motorini, il tutto potrebbe slittare direttamente a settembre. L'ipotesi è emersa durante un incontro che si è tenuto oggi tra gli assessori a Mobilità e Commercio Linda Meleo e Carlo Cafarotti e le associazioni di commercianti della zona. Che, imbufaliti, lamentano un calo degli introiti nelle ultime settimane, specie quando ancora era chiusa la fermata della metro Spagna (poi riaperta a inizio maggio). Chiedono di sospendere l'accensione dei varchi almeno fino a quando non verranno istituiti nuovi parcheggi lungo il perimetro della zona, facilitando quindi agli utenti l'arrivo con mezzi privati propri. La richiesta potrebbe essere accolta almeno parzialmente, dipenderà dal prossimo bilancio del servizio da effettuare a fine mese. Nel frattempo, assicurano dall'assessorato di Meleo, si lavora ad azioni dedicate al rilancio del Tridente, con un tavolo tematico appositamente istituito. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

Torna su
RomaToday è in caricamento