Nicola Zingaretti: "Sarò in campo alle primarie del Pd e proporrò il modello Lazio"

Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, vincitore alle elezioni regionali del 4 marzo, in un'intervista a Repubblica

Nicola Zingaretti

Ultimo baluardo rimasto in un Pd da disfatta di Caporetto, Nicola Zingaretti, rieletto governatore della regione, lancia dal suo Lazio un possibile nuovo modello di centrosinistra. "Io ci sarò" dichiara al giornalista Francesco Merlo in un'intervista su Repubblica. E ci sarà "anche alle primarie". 

Con 300mila voti in più del suo partito alle politiche del 4 marzo, che hanno segnato il tracollo dei dem aprendo di fatto l'anno zero del partito con le dimissioni dell'ormai ex segretario Matteo Renzi, può vantare l'unica vittoria vera, a sinistra, di queste elezioni. Raggiunta anche grazie all'alleanza con Liberi e Uguali, un'eccezione nel panorama nazionale. Insomma, ha le carte per proporsi come esempio, partendo magari proprio dalla guida della segreteria. 

"Non escludo nulla" ha dichiarato, rivendicando il suo progetto politico "che nel Lazio ha unito tutta la sinistra" insieme a "sindaci, liste civiche e soprattutto giovani". Un modello "che rilancia lo spirito dell'Ulivo", quello che "vorrei proporre a livello nazionale". Scende così in campo sciogliendo ogni riserva e rispondendo, in parte, alla domanda che in molti a sinistra si sono posti negli ultimi giorni: sarà Nicola Zingaretti l'uomo nuovo da cui ripartire? "La mia parola è rigenerazione: non solo del Pd, ma di tutta la sinistra E senza accordi calati dall'alto, ma aprendo un grande confronto, vero e forte". 

E Matteo Renzi? "Non l'ho mai votato, ma ho avuto con lui un rapporto di franchezza e di lealtà. Gli riconosco che, con grande energia e a modo suo, ci ha provato" risponde. E ancora: "E' un'esperienza che non possiamo liquidare. Sia pure in posizioni diverse sarebbe bello se anche Renzi spingesse verso la rigenerazione".

Intanto però ha un bel da fare alla Pisana, dove sta partendo la conta per trovare la maggioranza tra i consiglieri. "Fisserò quattro punti: rifiuti, sanità, fiscalità e sviluppo economico. Se ci stanno, bene" ha dichiarato a Repubblica. Altrimenti? "Non sono attaccato alla poltrona. Arriverei più libero al congresso del Pd". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • Spari a corso Francia: ladri di Rolex si schiantano contro auto della polizia dopo inseguimento

  • Vede i ladri in casa dalle immagini video, arrestati dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Terremoto a Roma: scossa ai Castelli Romani avvertita nella Capitale

  • Tragedia sulla Tuscolana: accusa malore nel negozio e muore

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

Torna su
RomaToday è in caricamento