Wind Tre, è il giorno dello sciopero: "No a trasferimenti da Roma a Milano"

Sciopero nazionale per i lavoratori della compagnia telefonica, tra trasferimenti ed esternalizzazioni "a rischio 350 posti di lavoro" 

foto archivio: protesta 2 aprile 2019

Per i lavoratori di Wind Tre è il giorno dello sciopero nazionale. Dopo quello che ha coinvolto il comparto finanza e controllo con i dipendenti a protestare per i "trasferimenti forzosi" da Roma a Milano, il blocco degli straordinari e delle reperibilità, gli impiegati nella compagnia telefonica oggi 11 aprile incroceranno le braccia per tutto il turno di lavoro. 

Wind Tre: è il giorno dello sciopero

Una protesta contro trasferimenti ed esternalizzazioni destinati a colpire, secondo le stime di Slc Cgil, almeno 350 posti di lavoro. 

Così in Wind Tre è sciopero. "Una mobilitazione contro progetti aziendali sbagliati e per avere un coerente piano di sviluppo aziendale" - ha detto Riccardo Saccone, segretario nazionale Slc Cgil.

I lavoratori di Wind Tre contro trasferimenti ed esternalizzazioni

Una giornata importante per la vertenza Wind Tre con lo sciopero che arriva dopo una moltitudine di iniziative per protestare contro i possibili trasferimenti da Roma a Milano e le ipotesi di cessione di ramo d'azienda. 

A Roma la battaglia è tutta contro l'ipotesi del trasferimento del reparto Finance nel capoluogo lombardo: "Una decisione che costringerà molti di noi a rinunciare al lavoro" - avevano denunciato i dipendenti chiedendo a Wind Tre un dietrofront, la ricollocazione in altri rami ambientali o la previsione di telelavoro e smartworking. "Al 90%" - l'adesione allo sciopero del comparto di Parco de' Medici che si è tenuto lo scorso 2 aprile. 

I lavoratori di Wind Tre tra scioperi e disperazione: "Siamo spalle al muro, a Milano o licenziati"

Il sindacato: "Management abbandoni strade pericolose"

Sulle richieste alla dirigenza della compagnia delle telecomunicazioni dal sindacato nessun passo indietro.

"È opportuno che il management aziendale - ha proseguito il sindacalista - rifletta attentamente e valuti di abbandonare strade pericolose e decida di provare a gestire il futuro dell'azienda con il sindacato. Dimostri il coraggio - l'esortazione di Saccone - che stanno mettendo in campo i lavoratori in queste ore". 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

Torna su
RomaToday è in caricamento