Romanina, lunedì l'abbattimento della villa dei Casamonica: il lavoro è di Zingaretti, Salvini salirà sulla ruspa

Un lungo lavoro che porterà alla trasformazione dell'area in un giardino. La Regione Lazio lavora e paga tutto, Salvini da tempo annuncia l'intenzione di salire sulla ruspa

Mentre proseguono le operazioni di abbattimento delle ville del Quadraro, si avvicina il giorno dell'abbattimento della villa che fu di Giuseppe Casamonica, alla Romanina, altro feudo della storica famiglia sinti che controlla Roma Sud. Un abuso edilizio nel 2006, confiscato nel 2009, sgomberato cinque anni fa. Da allora è stata vandalizzata e resa inutilizzabile per fini sociali, come quella che si trova di fronte che diventerà a breve una struttura per i bambini affetti da autismo

Dentro la villa dei Casamonica abusiva e confiscata: "Sarà abbattuta per fare un giardino"

Grazie alla Regione Lazio, la struttura, grande circa 300 metri quadri, con tanto di ampio giardino privato e alberi di ulivo, verrà abbattuta. Un lavoro che va avanti da mesi e annunciato a giugno, quando Zingaretti, insieme al ministro degli Interni Salvini, effettuò un sopralluogo alla Romanina. Allora il presidente della Regione Lazio dichiarò: "Come spesso accade i beni che lo stato confisca alla criminalità sono opere abusive, come in questo caso. Va quindi necessariamente abbattutta ed abbiamo già stanziato 250mila euro per farlo, costruendo poi un giardino a disposizione della collettività e che verrà gestito dal comitato di quartiere"

L'iter per l'acquisizione dell'immobile dei Casamonica da parte della Regione con l'Agenzia nazionale dei beni confiscati è partito a gennaio 2018, quando il futuro ministro Salvini era in piena campagna elettorale. Nei mesi successiva, constata l'inagibilità e la possibilità di essere riutilizzata, la Regione ha stabilito l'abbattimento, dialogando con i comitati di quartiere per il possibile riutilizzo. C'era chi voleva un parcheggio, ma alla fine ha prevalso l'idea di fare un parco, gestito dai cittadini della zona. A pagare sarà, come detto, la Regione Lazio. 

Insomma non c'è traccia di azione da parte di Salvini e del suo ministero. Nonostante ciò in questi mesi più volte il leader leghista, in post e dichiarazioni pubbliche, appropriandosi del lavoro della Regione Lazio, ha annunciato l'intenzione di salire personalmente sulla ruspa per abbattere il manufatto. Anche martedì ha ribadito l'intenzione. Dal canto suo Nicola Zingaretti, sta continuando nel lavoro di preparazione per lunedì e dichiara: "Non solo si distrugge ma ritorna ai cittadini, da beni confiscati a beni comuni perché anche la parola confisca, che è giusta, però alle orecchie delle persone può sembrare una sottrazione, invece sono le mafie che tolgono alle persone e noi stiamo lavorando per prenderli in gestione e restituirli subito".

Nell'area, dopo gli abbattimenti sorgerà un parco pubblico aperto a tutti. "Un lavoro che comincia da lontano", racconta Zingaretti, "e che si sta concretizzando grazie all'impegno di tanti. Nel 2017 abbiamo consegnato ad un'associazione che si occupa di bambini autistici un'altra villa sequestrata, proprio di fronte a dove sorgerà il giardino"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento