Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Raggi contestata dai commercianti del rione Trevi: "Hanno pulito e riacceso i lampioni solo per lei"

La protesta, ma anche la richiesta di intervento e ascolto, dei commercianti del rione Trevi verso la sindaca Raggi, duramente colpiti dalla crisi Covid

 

“Siamo abbandonati da anni qui: sommersi dai rifiuti, dai venditori abusivi, dallo spaccio e dalla mancanza di controlli da parte delle forze dell’ordine. Lei viene qui e tirano tutto a lucido, hanno anche riacceso i lampioni dopo tre mesi al buio”. Parole che all’apparenza possono sembrare pronunciate da abitanti di una qualunque delle periferie romane. Invece no, siamo di fronte ad uno dei monumenti più belli e famosi al mondo, la Fontana di Trevi.

A parlare è Daniela Cavicchia, titolare di uno storico ristorante del rione, tra le prime a tentare di parlare con la sindaca di Roma, Virginia Raggi, li per la presentazione dei nuovi monopattini in sharing. “Una presa in giro - continua Daniela -, perchè non è mai venuta a farsi un giro da queste parti?”. Ed ha tutto il diritto di chiederselo visto che Daniela, ed un altra trentina di suoi colleghi commercianti di zona, si sono riuniti da due anni sotto un'associazione con lo scopo di combattere insieme degrado e abbandono, di una zona che dovrebbe essere invece curata con estrema cura.

Strade sporche e invase dai rifiuti a Fontana di Trevi: a pulire ci pensano i commercianti

“Ci occupiamo noi della pulizia delle strade, la rimozione dei rifiuti, tutte cose su cui vorremmo invece una certa continuità - spiega Fabrizio Patrizi, presidente dell’associazione commercianti del rione Trevi -. Oggi stiamo pagando un prezzo carissimo per la crisi Coronavirus, a causa della quale la maggior parte di noi ha dovuto suo malgrado lasciare le serrande della propria attività abbassate”. Proprio per questo il loro impegno è quello di riuscire a riportare i romani tra le bellezze del centro storico: “Stiamo organizzando un’iniziativa culturale aperta a tutti - sottolinea Patrizi - di questo ne ho parlato con la Sindaca e sembra che sia stata apprezzata, ma noi abbiamo bisogno di un aiuto concreto per tornare a lavorare”. Su tutte l’apertura a fascie orarie della ztl.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento