Pubblico e privato insieme per il territorio: il verde risorge grazie ai volontari della Servier Italia

Un percorso cominciato lo scorso anno che ha consentito la restituzione ai cittadini del fazzoletto verde tra la sede dell'azienda Servier Italia e la scuola Millecolori in via Gregorio XI

Inaugurazione dell'area verde

Lotta al degrado, senso civico, valorizzazione dei beni pubblici: sono questi gli obiettivi che hanno portato la Servier in Italia, gruppo farmaceutico guidato da una fondazione no profit, a investire nel 'Progetto adozione area verde', che in questo primo step interesserà il territorio del XIII municipio. 

Un percorso cominciato lo scorso anno che oggi ha consentito la restituzione ai cittadini dell'area verde tra la sede dell'Azienda e la scuola Millecolori in via Gregorio XI. Alla cerimonia hanno partecipato l'assessore all'Ambiente del XIII Municipio, Emanuele Penna, Francesca Cajani e Edgar Meyer, delegati dall'assessore Pinuccia Montanari, la rappresentante di Retake Roma, Barbara Barile, il dg di Servier Italia Debaillon-Vesque e la dott.ssa Marie Georges Besse (Direttore dell'Istituto di Ricerca).

A giugno 2017 in collaborazione con Retake Roma e con il supporto dell'associazione Gelsomino, che si occupa dell'accoglienza dei migranti, i volontari di Servier avevano riqualificato e pulito tutte le aree verdi e i parcheggi nei pressi della sede del gruppo farmaceutico. "Per noi si tratta di un atto di responsabilità sociale e di sostegno ai cittadini che, potendo fruire di nuovo di questo spazio verde, potranno migliorare la qualità della loro vita.

"Questo rappresenta per noi un modello virtuoso di partenariato sociale", dichiara il direttore generale di Servier in Italia, Francois Debaillon-Vesque. "Roma Capitale ci ha dato l'opportunità di restituire vita a questo terreno, un segno per il futuro di tutti. Un atto di responsabilità sociale e di sostegno ai cittadini, che potendo fruire di nuovo di questo spazio verde, potranno migliorare la qualità della loro vita".

Intorno al verde pubblico si può promuovere l'integrazione sociale e stili di vita sani ed è per questo che Servier Italia ha incoraggiato proprio a Roma lo sviluppo di questo progetto che permette di restituire vita a un terreno abbandonato lasciando attraverso i nuovi alberi piantati un segno di continuità per le generazioni future. "Pubblico e privato possono camminare insieme - continua Marie Georges Besse, direttore dell'Istituto di Ricerca Servier - come abbiamo dimostrato oggi, nell'interesse dei cittadini. Qui c'è una scuola e riqualificando l'area abbiamo dato un esempio importante ai nostri figli, educando alla cura degli spazi pubblici, al rispetto per gli altri e al bello", ha concluso."Abbiamo visto nella Servier Italia la possibilità di un aiuto per il ripristino di quest'area, che, con la vicinanza del XIII Municipio, è stata rivalutata", ha detto Barbara Barile di Retake.

"E' un bel momento perchè tutto il Municipio ne ha beneficio per un migliore decoro e gestione degli spazi verdi - ha aggiunto Emanuele Penna, assessore all'Ambiente del XIII Municipio - mi auguro sia l'inizio di una collaborazione continua con Servier".


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento