Testaccio, strada da rifare dopo soli 20 giorni: il municipio richiama la ditta in via Galvani

Due le diffide inviate all'impresa. Poi i nuovi lavori. E scoppia la polemica social

Lavori in via Galvani. Foto dal gruppo Facebook, Ieri, oggi, domani. Frammenti di vita nella Regione Lazio

Asfaltata due volte in un mese, a dicembre e a gennaio, dopo la tirata d'orecchie alla ditta da parte del municipio. E' durato il tempo delle feste di Natale il cemento steso su via Galvani, la strada di Testaccio che costeggia il mercato rionale e l'ingresso principale dell'ex Mattatoio. In queste ore gli operai della ditta incaricata sono tornati sul posto e hanno rifatto, da zero, il massetto in superficie del tratto compreso tra via Beniamino Franklin e via Nicola Zabaglia, deteriorato in poche settimane.   

Parliamo di fondi stanziati dal precedente sindaco Ignazio Marino, circa 550mila euro per rifare via Galvani, via Panisperna, via Anicia, via delle Terme Deciane. Il cantiere però non è partito subito perché la ditta assegnataria è rimasta coinvolta nell'inchiesta di Mafia Capitale. Sono passati più di due anni, alla fine l'iter si è sbloccato ed è intervenuta la ditta successiva in graduatoria. A metà ottobre sono partiti i lavori. Ma al I municipio, competente per la viabilità secondaria, le modalità non sono piaciute fin da subito.

E' del 23 ottobre una prima diffida inviata dal direttore dei lavori del municipio all'impresa aggiudicataria, che RomaToday ha potuto visionare. Dal verbale di consegna del cantiere era infatti trascorsa una settimana senza che si vedesse l'ombra di un operaio. Da qui il sollecito ad accelerare i tempi e a "rispondere alle telecomunicazioni tentate via telefonica"

Poi, a inizio dicembre, finalmente, la pavimentazione stradale sembra come nuova. E l'assessore ai Lavori pubblici Jacopo Emiliani Pescetelli annuncia su Facebook: "La sindaca sbandiera il piano Marshall, noi spendiamo fino all’ultimo centesimo dei soldi a nostra disposizione e rifacciamo le strade. Andiamo avanti!". Ma dura poco. Perché durante due sopralluoghi effettuati il 27 e 28 dicembre dallo stesso municipio, si vedono bene buche e crepe, riaffiorate nonostante l'intervento.

Da qui la seconda, perentoria, comunicazione. Un ordine di rifare il tratto nuovamente ammalorato, a partire dal 2 gennaio e non oltre il 5. E un sollecito "a seguire con molta più attenzione l'andamento di tali lavorazioni". Dopodiché, si legge nella nota inviata in data 31 dicembre, "verrà eseguita una verifica tecnica sulla buona riuscita delle opere e sulla qualità dei materiali impiegati, con prove specifiche di laboratorio"

Mentre scriviamo il cantiere bis è terminato. E intanto è montata la polemica social. Su Facebook sono comparse alcune foto di denuncia dei cittadini con via Galvani immortalata prima e dopo, e di pesanti attacchi diretti al Comune, e quindi ai Cinque Stelle. Pronti a difendersi con un post su Facebook della presidente M5s della commissione Lavori pubblici, Alessandra Agnello: "Un semplice approfondimento avrebbe portato a scoprire che è stato proprio il municipio I, a guida Pd, a realizzare la manutenzione straordinaria". E che "sarà lo stesso municipio a dover azionare le garanzie previste da contratto per la cattiva esecuzione dei lavori". Garanzie che, a onor del vero, sono state già attivate. 

"Spesso il controllo dei cantieri che come Municipio mettiamo a gara è più importante dei lavori stessi" dichiara l'assessore ai Lavori pubblici Jacopo Emiliani Pescetelli. "La verifica quotidiana fatta dai nostri uffici ha permesso di evidenziare per tempo le anomalie dei lavori a via Galvani e intimato immediatamenta la ditta al rifacimento dei lavori senza sbavature". Poi la stoccata al Movimento Cinque Stelle: "Non vogliamo vantarci di un qualcosa che dovrebbe essere naturale, ma auspichiamo che la stessa attenzione ci sia per tutti i lavori nella nostra città".

"Aver rifatto via Galvani in un tempo in cui le risorse sono poche è stato un gran successo" commenta anche l'ex consigliere municipale e attuale responsabile Casa del Pd, Yuri Trombetti, abitante di Testaccio. "La ditta non ha lavorato bene creando disagi anche durante la lavorazione, ora monitoreremo la situazione, chi ha sbagliato paghi senza indugio".

Potrebbe interessarti

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l’ambiente

  • Come vestirsi ad un matrimonio d'estate: consigli di stile

I più letti della settimana

  • Giallo di Torvaianica, il compagno di Maria Corazza ha incontrato tre persone venerdì mattina

  • Perde il controllo della moto e finisce contro il guardrail: morto 27enne romano

  • La tanica di benzina nei filmati di videosorveglianza: svolta nel giallo di Torvaianica

  • Interrogatori, autopsia e filmati delle telecamere di sorveglianza: giallo di Torvaianica verso la svolta

  • Rapina al McDrive, poi la fuga e lo schianto in scooter

  • Torre Gaia: aggredita sulle scale della metro C, ferita una 15enne

Torna su
RomaToday è in caricamento