Caos metro, il Prefetto promette: "Azioni molto dure contro i responsabili"

Il Codacons ha chiesto alla Procura di indagare per i reati di interruzione di pubblico servizio. Marchini critico sulle responsabilità di Marino

"Tutto quello che incide pesantemente sulla vita dei romani deve essere perseguito anche con azioni molto dure". Pesante il commento del Prefetto Franco Gabrielli, interpellato sullo 'sciopero bianco' (o supposto tale) dei macchinisti delle metropolitane della Capitale. Sono sempre di più ad alzare la voce contro i disagi dei trasporti pubblici. Oltre al Prefetto, il Codacons si è rivolto alla Procura e Marchini, sulla sua pagina Facebook, ha messo l'accento sulle responsabilità del sindaco Marino.

"Un conto sono le legittime rivendicazioni di ogni categoria e lavoratore, alle quali io personalmente mi inchino sempre. Un altro conto è il rispetto che dobbiamo all'utenza e ai cittadini romani, che ormai vivono condizioni di grandissima sofferenza", ha commentato il Gabrielli, di fronte alla notizia che il 40% dei macchinisti dell'Atac rifiuterebbe di timbrare il badge. Sarebbe stata proprio questa "grande sofferenza" ad aver spinto il Prefetto ad invocare azioni che vanno "da quelle disciplinari a quelle di denuncia per interruzione di pubblico servizio. Perché le legittime rivendicazioni possono avere forme di confronto di altra natura".

- DI CHI E' LA COLPA? VOTA

Anche il Codacons si è espresso sui disagi dei passeggeri della metro di Roma, presentando un esposto alla Procura della Repubblica. Nella denuncia, l’associazione chiede ai magistrati di indagare per i reati di interruzione di pubblico servizio e violenza privata. Si legge nell’esposto: "Sono gravissimi i disagi che stanno interessando le linee metropolitane A e B e la Roma-Lido. Gli scioperi si susseguono ad un ritmo insostenibile, con danni ingenti ai passeggeri, ai tanti turisti in visita nella capitale, all’intera città, con ripercussioni pesanti sul traffico e sull’inquinamento. Ma c'è anche un evidente danno economico per coloro che acquistano abbonamenti mensili e annuali, i quali si vedono privati di giorni di servizio regolarmente pagati. La conseguenza è una vera e propria odissea che stanno vivendo cittadini e turisti: convogli ridotti a veri e propri carri bestiame, scene da panico con spintoni, imprecazioni, liti e diversi malori, visto il caldo asfissiante e l’attesa per l’arrivo dei treni, con ogni fermata stracolma e veri e propri assalti ai convogli, con rischi per l'incolumità dei passeggeri. Inoltre, non mancano disagi in termini di tempo e di costi, come l'impossibilità di raggiungere i posti di lavoro, e la paura, lo stress, i disagi". Come ha spiegato il presidente Carlo Rienzi, "se la Procura accoglierà il nostro esposto, i passeggeri coinvolti nei disagi potranno costituirsi parte offesa e chiedere il risarcimento dei danni ai responsabili".

Critico, invece, sulle responsabilità del sindaco Alfio Marchini. Su Facebook, ha accusato  Marino di aver creato "una grande frattura, che si sta ripercuotendo sui romani con disagi da terzo mondo, dopo aver accusato i macchinisti dell'Atac di non voler collaborare con l'amministrazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La cosa che più ci preoccupa è che questi disservizi non sono momentanei, ma strutturali - ha proseguito - Basta leggere il bilancio di Atac: nessun investimento per migliorare la manutenzione dei mezzi o riorganizzare il personale, oltre ai 7 milioni di chilometri di linee autobus tagliati nell'ultimo anno... Salvo poi chiedere di non usare la macchina. Infine, secondo l'Atac i furbi sono il 9%. Nella realtà il 9% sono le persone oneste che pagano il biglietto. Basterebbe far salire i passeggeri solo dalla porta anteriore sui bus e ai tornelli nelle metro, uno alla volta. E chi non ha il biglietto non sale, come a Londra o New York. In pochissimo tempo recupereremmo oltre 200 milioni di euro l'anno da reinvestire nel servizio. In tutto questo disastro, il nostro eroe sa solo ripetere: 'non è colpa mia!'. Sarebbe comico, se non fosse tragico lo stato in cui versa Roma".

- SEI FAVOREVOLE ALLA PRIVATIZZAZIONE? VOTA

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

  • Coronavirus, 36 nuovi contagiati a Roma: 3186 gli attuali positivi nel Lazio. Trend per la prima volta è al 3%

Torna su
RomaToday è in caricamento