homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Trasporti: se il bus ritarda mezz'ora arriverà un rimborso

La bozza del decreto legge sui servizi pubblici locali si occupa anche di trasporti, impone una stretta su corse cancellate, ritardi dei mezzi e furbetti che non pagano il biglietto

Ore passate alla fermata ad aspettare rabbiosi il bus che non passa? A Roma è pane quotidiano. I disservizi sul fronte trasporti, si sa, fanno parte delle ferite mai sanate della Capitale. E se far ingranare una volta per tutte la macchina Atac sembra una mission impossibile, intanto si può rendere i continui disagi arrecati ai pendolari un po' meno amari. 

La bozza del decreto legge sui servizi pubblici locali (testo unico attuativo della riforma Madia) si occupa anche di trasporti, e impone una stretta su corse cancellate e ritardi dei mezzi. Secondo quanto riportato sulla bozza il diritto al rimborso del biglietti scatterà dopo mezz'ora se si tratta di mezzi pubblici cittadini o dopo un'ora se si allarga il raggio a livello locale. A meno che i problemi derivino da scioperi, calamità naturali o altri eventi imprevedibili. Tutto questo, ferma restando la normativa esistente in materia.

Sul fronte "furbetti ed evasori" poi, chi non paga il biglietto andrà incontro a multe salate. Chi non striscia il titolo di viaggio va incontro a una sanzione pecuniaria da definire con legge regionale e dove la legge manca, si legge nella bozza, la multa "è pari a 60 volte il valore del biglietto ordinario e comunque non superiore a 200 euro".

Inoltre le aziende del Tpl potranno potranno anche affidarsi a soggetti esterni "qualificabili come agenti accertatori", che, nei limiti del loro servizio, acquistano la "qualità di pubblico ufficiale".  Stando alla bozza, è previsto inoltre che il ministero dell'Interno possa mettere a disposizione "agenti ed ufficiali aventi qualifica di polizia giudiziaria, secondo un programma di supporto agli agenti accertatori" per periodi non superiori ai 3 anni e con copertura dei costi a carico dell'ente che fa la richiesta. 

Sempre al "fine di assicurare il più efficace contrasto al fenomeno dell'evasione tariffaria" possono essere utilizzate anche "le rilevazioni dei sistemi di videosorveglianza presenti a bordo dei veicoli e sulle banchine di fermata". E le registrazioni possono rappresentare "mezzo di prova, nel rispetto della normativa vigente in materia di trattamento dei dati personali, per l'identificazione di eventuali trasgressori che rifiutino di fornire le proprie generalità agli agenti accertatori, anche con eventuale trasmissione alle competenti forze dell'ordine".
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Possiamo anche ricorrere a chiedere il rimborso del biglietto per un ritardo superiore alla mezz'ora ma come vorrebbe effettuato il calcolo ? E per chi ha la tessera come me? Per non parlare degli orari sul sito dell' Azienda "Cerca bus" dove in alcuni giorni gli orari delle corse non vengono riportati, o le paline elettroniche che troppo spesso sono assenti. Ogni giorno , per esempio, al Capolinea Arco Travertino, uno dei più moderni ed efficienti della Capitale salta sempre qualche corsa, per guasti improvvisi alle vetture, per mancanza di personale che si ammala o altro e non basta la buona volontà del Capo che controlla minuziosamente i turni da assegnare. E a proprio a lui che la gente si rivolge ogni mattina quando si verifica qualche problema all'improvviso. Mi chiedo a cosa servirà chiedere il rimborso del biglietto , se per colpa del mezzo che non arriva, il passeggero ha già fatto tardi al lavoro ?

  • ..vendo lo scooter e comincio ad utilizzare i mezzi pubblici cosi arrotondo lo stipendio (a spese dei contribuenti). Investimenti seri ed importanti sulla mobilità no è?

  • Domande: 1) Mezzora rispetto a cosa? Mi spiego meglio: Roma è una delle poche città dove gli unici orari ad essere comunicati ai cittadini sono quelli di partenza dalle varie fermate autobus. Non si sa, tuttavia, in ogni singola fermata del tragitto, gli orari in cui l'autobus dovrebbe passare. Quindi, chi stabilisce se l'autobus ha veramente ritardato di mezzora? 2) Cioè, ma come può funzionare la cosa? Il mio mezzo ritarda di mezzora? Dove vado a chiedere il rimborso? Pensate che una cosa de genere sa veramente attuabile a Roma...? 3) Chi ha l'abbonamento..?

  • Fate prima a non farlo pagare il biglietto tanto sarà un rimborso continuo siete indecenti..

Notizie di oggi

  • Politica

    Caos piani di zona, lettere di diffida per il Comune. I proprietari: "Tutto fermo, è un dramma"

  • Centro

    Colle Oppio, altro che restyling: dopo 5 mesi il parco torna terra di nessuno

  • Cronaca

    Ostia, blitz allo stabilimento Battistini: sigilli a strutture abusive

  • Politica

    Stadio della Roma, la Regione smentisce Berdini: "Dal Comune nessun documento"

I più letti della settimana

  • Giunta Raggi: Daniela Morgante al Bilancio. Ai Trasporti prende quota Enrico Stefano

  • Raggi lavora alla Giunta: Flavia Marzano assessore all’Innovazione

  • "Frongia non può fare il capo di Gabinetto", ma dal Campidoglio smontano il caso

  • Trastevere: Raggi e Zingaretti inaugurano la nuova caserma dei Carabinieri

  • Vigili, Diego Porta per il dopo Clemente: sarà comandante fino al 31 agosto

  • Raggi: "E' iniziato il cambiamento. Roma sarà un Comune open government"

Torna su
RomaToday è in caricamento