A Saxa Rubra il trasbordo dei rifiuti, c'è l'ordinanza della Sindaca. E Raggi ammette: "In città situazione critica"

Nell'area dell'ex Gran Teatro 300 tonnellate al giorno per 180 giorni, i residenti: "Sindaca si è dimenticata clausola di 'non derogabilità' e ha scaricato spazzatura tra reperti e storia"

Il trasbordo dei rifiuti a Saxa Rubra si fa. La Sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha emanato l'ordinanza che di fatto attiva l'area del Municipio XV, tra via Maurizio Barendson e via Silvio Gigli, per tali operazioni di Ama. 

Trasbordo rifiuti Saxa Rubra: c'è l'ordinanza della Sindaca

Nel lotto che un tempo ospitava il Gran Teatro arriveranno dunque i rifiuti urbani indifferenziati di parte di Roma che saranno "trasbordati" da mezzi di raccolta di minori dimensioni a mezzi più grandi adibiti al trasporto verso gli impianti di trattamento. 

300 tonnellate al dì per 180 giorni

Il quantitativo di rifiuti sottoposti a trasbordo non dovrà superare le 300 tonnellate al giorno, mentre gli effetti del provvedimento, in coerenza con la sua natura contingibile e urgente, "dovranno limitarsi al tempo strettamente necessario all'individuazione delle più opportune soluzioni idonee al superamento delle criticità in essere e, comunque, ad un periodo - scrive la Sindaca - non superiore a 180 giorni dall'entrata in vigore della presente Ordinanza". 

Nessun accenno alla non derogabilità dello stesso, così come era stato specificato invece per il sito di Ponte Malnome che, a meno di proroga come chiesta da Ama, chiuderà come promesso l'8 luglio prossimo. 

I grillini tacciono, il Pd straparla: ecco perchè i rifiuti andranno (senza alternativa) a Saxa Rubra

Il Comune ad Ama: no rifiuti a terra e pulizie giornaliere

Tra gli obblighi prescritti dal Campidoglio ad Ama quello di effettuare il trasbordo dei rifiuti senza deposito degli stessi a terra e prevedendo tutti i  presidi necessari ad evitare qualsiasi nocumento alla popolazione e all'ambiente circostante. L'area inoltre dovrà essere delimitata e presidiata, prevedendo attività di pulizia (manuale e/o meccanizzata) giornaliera a fine servizio. 

Con l'ordinanza della Sindaca Raggi sul trasbordo dei rifiuti a Saxa Rubra si concretizza così l'incubo dei residenti che, insieme al Municipio XV e pure al Dipartimento Mobilità e Trasporti (che li aveva previsto un parcheggio di scambio ndr.), avevano manifestato la loro contrarietà ai camion di Ama all'ombra della Rai, delle stazioni di Atac e Cotral, case e reperti archeologici. 

Raggi ammette: "In città situazione critica"

Una scelta quasi obbligata per il Campidoglio alle prese con una città che da settimane fa i conti con strade colme di rifiuti e impianti al collasso.

La messa in esercizio "entro 15 giorni" di sito/siti di trasferenza o di trasbordo è intimata anche nel cronoprogramma delle scadenze contenute nell'ordinanza della Regione Lazio rivolta ai gestori degli impianti regionali e ad Ama.

"In assenza di un'adeguata rete infrastrutturale di supporto, i mezzi dedicati alla raccolta dei rifiuti sono costretti a lunghe percorrenze, distogliendo risorse al servizio di raccolta dei rifiuti urbani e determinando rallentamenti nell'attività di raccolta, con rischio di giacenza degli stessi rifiuti indifferenziati a terra, in prossimità dei punti di raccolta" - scrive la Sindaca sottolineando la necessità che ha portato ad individuare nell'immediato il sito per le attività di trasbordo di 300 tonnellate di rifiuti indifferenziati. 

Raggi che ammette: "Il protrarsi delle difficoltà evidenziate nell'attività di raccolta concretizza in tempi brevissimi uno stato di severa criticità nella Capitale, con immediata ripercussione sulle condizioni igienico sanitarie della città e grave rischio per la salute pubblica".

Così i camion di rifiuti andranno a Saxa Rubra. Altro che "nessuna emergenza" o "problema particolare che diventa universale" - per dirla nelle parole del consigliere grillino Daniele Diaco.

Il Comitato di Quartiere: "Amareggiati dalla Sindaca"

"Dispiace apprendere che l'ulteriore istanza del XV Municipio di inserire nell'ordinanza oltre il limite temporale di 180 giorni anche la clausola di 'non prorogabilità' di tale termine sia stato totalmente disatteso dalla Sindaca" - commenta il Comitato di Quartiere.

"La cosa che amareggia tutti i cittadini di Roma Nord è che questa Amministrazione e in particolare la Sindaca si è totalmente disinteressata della contrarietà che i cittadini hanno espresso nei confronti di tale provvedimento in tutti i modi possibili e nelle sedi competenti. Un amministrazione comunale, che al grido di emergenza rifiuti, - sottolineano dalla 'piana' -  si è totalmente disinteressata del patrimonio storico culturale e ambientale che è presente nell'area di Saxa Rubra. Dalle emergenze - rimproverano al Comune - si esce con la pianificazione e con l'organizzazione di un piano strutturato e condiviso". 
 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • "Kit Care con Amore": il necessario diventa indispensabile per chi non ha programmato il ricovero ospedaliero

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

Torna su
RomaToday è in caricamento