Il ministro Toninelli: "Non percepisco un dissesto di Roma, gestione Raggi è positiva" 

Il titolare ai Trasporti dice "brava" alla sindaca. E sul Salva Roma: "Evita di far pagare tassi di interessi folli"

Virginia Raggi e Danilo Toninelli

"Non percepisco un dissesto di Roma, non sono d'accordo con un disegno catastrofico di quella che è una città complessa: mi sembra che ci sia una grande differenza con il passato, anche se ovviamente dobbiamo fare di più. Ma il bilancio oggi è positivo". Sono parole del ministro Danilo Toninelli intervistato su Rtl 102,5. Il titolare ai Trasporti dice "brava" a Virginia Raggi "perché non ha contratto più debiti" e per interventi come lo stop ai 'premi a pioggia' in Atac che - aggiunge - "abbiamo salvato mentre quelli di prima volevano privatizzarla".

Quanto al decreto Salva Roma, osserva, "non è tecnicamente corretto che farebbe gravare i debiti della capitale su tutti gli italiani, è vero l'esatto opposto" per evitare di far pagare "i tassi di interesse folli" concordati dalle precedenti amministrazioni capitoline.

Il Salva Roma: tutto quello che c'è da sapere

Mentre sul Salva Roma, approvato solo a metà nel Consiglio dei ministri di ieri, interviene ancora Matteo Salvini. "Tutta la Lega è a lavoro per aiutare concretamente i cittadini romani che non hanno bisogno di regali ma di un'amministrazione cittadina concreta ed efficiente. Ci sono centinaia di Comuni italiani in difficoltà, da Nord a Sud, e da prima forza politica del Paese e' nostro dovere aiutarli ed ascoltarli tutti".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • una affermazione di una persona che non vive a Roma. Te la potevi risparmiare

  • Quasi tenera questa difesa ad oltranza della sua compagna di movimento!!!????????

  • Ti ho votato sindaca dalle grandi orecchie Nn vi voterò più Maledetti distruttori della mia città Aquila67

  • Avatar anonimo di Valerio
    Valerio

    La mossa di Salvini è puramente politica. Radio24 (radio notoriamente anti-M5S), ha avuto le balls di spiegare, più volte, che il provvedimento per il debito di Roma è a costo zero per lo Stato anzi, si andrebbe a risparmiare la gestione commissariale e col potere contrattuale del ministero si andrebbero a ridurre gli interessi, fissati allora dal buon Veltroni al 5,4%. Uno sproposito rispetto ai tassi odierni e rinegoziarli permetterà un ulteriore risparmio.Purtroppo questo risparmio non potrà esserci per le altre città italiane perchè il loro debito è strutturato in altro modo (es. con Cassa depositi e prestiti), ma questo Salvini non lo dice.

Notizie di oggi

  • Politica

    Roma a cinque stelle punta sulla ciclabili: 80 chilometri di piste in 3 anni. Ecco tutti i progetti

  • Cronaca

    Ucciso dalla figlia: l'uomo aggrediva le donne di casa. Procura valuta legittima difesa

  • Cronaca

    Spari a Torre Maura: prima la lite, poi 4 colpi di fucile contro l'auto del padre

  • Politica

    Condoni edilizi, cosa dice il nuovo regolamento: dalle pratiche digitali alle norme sul silenzio-assenso

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro, bus e Cotral a rischio. Gli orari e tutte le informazioni

  • Atac: domani stop serale di Roma-Lido e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Attivi bus navetta

  • Incidente Casilina: trovata morta sul marciapiede vicino alla Metro C, caccia al pirata della strada

  • Roma, maratone ed eventi sabato 18 e domenica 19 maggio. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sulla via Tiburtina: investito da un tir, morto un ciclista

  • Ciclista morto su via Tiburtina, sciacalli rubano il portafogli e prelevano 500 euro

Torna su
RomaToday è in caricamento