Al via i bandi per la pulizia dei tombini: è corsa contro il tempo per le piogge dell'autunno

Due maxi gare per grande viabilità e viabilità secondaria. Ma le procedure si chiudono a fine agosto. E per l'aggiudicazione ci vorranno minimo altri due mesi

Tombino ripulito in via Cristoforo Colombo

A fare da sveglia in Campidoglio è stato forse l'acquazzone che ha paralizzato Roma all'alba di due giorni fa. Poche ore dopo eccoli pubblicati, due bandi per la manutenzione delle caditoie delle strade cittadine. Rimuovere i detriti e lavare accuratamente l'interno dei chiusini con l'apposito tubo aspirante, operazione fondamentale per far defluire le acque meteoriche senza intoppi, è la priorità in vista dell'autunno. 

Due le gare pubbiche per l'assegnazione dei lavori sbloccate dopo un primo stop dell'Anac, la prima per le strade della Grande viabilità (800 chilometri di competenza del dipartimento Lavori pubblici) da 2 milioni e 400mila euro divisi in quattro lotti da 600mila, la seconda per gli 8mila chilometri di viabilità secondaria in capo ai municipi da 1 milione e 400mila euro. Sono fondi del Giubileo, inutilizzati, ed entrambi i bandi durano un anno. La presentazione delle offerte scade tra il 29 e il 31 agosto. Poi, per l'apertura delle buste e l'assegnazione dei lavori da parte della commissione aggiudicatrice, ci vorrà del tempo. Come minimo due, tre mesi. Ma potrebbero volercene anche tra sei e otto. La stagione delle piogge sarà già ampiamente cominciata. 

Nel frattempo però, assicurano dall'assessorato, ai chiusini pensano gli stessi operai che si occupano della manutenzione stradale ordinaria, sempre con gli accordi quadro. Oggi i tecnici erano a lavoro su via Cristoforo Colombo, vedi in foto. Ma è difficile che bastino. E infatti il Comune ha nel cassetto un'altra gara più rapida, un unico lotto da 98mila euro (sotto il milione si può procedere con le offerte al massimo ribasso) da assegnare sul Mepa, il Mercato elettronico della pubblica amministrazione, che scade il 4 agosto. Con affidamento entro a ottobre, ma dipende molto dal numero di offerte che arriveranno. Sperando che anche su altri fronti si lavori a dovere e in tempo. Vedi le pulizie di Ama sul ciglio della strada, quando gli aghi di pino accumulati occludono le bocche di lupo, o la manutenzione delle alberature per evitare rami e fogliame a terra. Qui il bando, quello del verde verticale, è fermo da 24 mesi per rilievi dell'Anticorruzione.

Senza contare quei quartieri di Roma, da Prima Porta al Salario al litorale di Ostia, dove sono gli impianti fognari a non essere mai stati adeguati alla speculazione edilizia che nel tempo ha riempito la Capitale di cemento selvaggio. Ma qui non intervieni con bandi dell'ultima ora. Insomma, le motivazioni degli allagamenti sono più che note e si ripetono a ogni nubifragio. E' toccato a tutti i sindaci il caos da allagamenti, senza esclusione di colori politici. Con gli stessi danni, le stesse misure adottate per evitare il peggio, le stesse scuse laddove gli interventi si sono rivelati insufficienti. 


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento