Tangenziale est, rinnovata l'ordinanza: transito vietato dalle 23 alle 6

Tutti i tratti interdetti

Sulla tangenziale est si corre, di notte soprattutto. Lo sanno bene gli abitanti che vivono al confine tra il II e il III municipio, nel tratto Ponte delle Valli Nomentana, da tempo alle prese con i rumori molesti. Per loro, ormai nel 2014, il sindaco Marino emise un'ordinanza che limitava la viabilità notturna, dalle 6 alle 23. Estensione dei divieti già presenti negli altri tratti di tangenziale. Apprezzamento da molti residenti, qualche mugugno da parte di altri. 

Da qui l'avvio di studi, incontri, riunioni. Come fare a limitare i rumori? Si pensa all'installazione degli autovelox, deterrente all'alta velocità e quindi al rombo dei motori. La polizia locale dà l'assenso, la palla passa al Dipartimento che però sostiene che la competenza non sia la sua. Storie di burocrazie e amministrazioni varie che vanno avanti dal 2014. 

Nessuna discontinuità da parte della sindaca Raggi che non riesce a sbloccare la situazione e a trovare una soluzione definitiva. Per questo dal 2016 si va avanti a colpi di ordinanze. Il 28 dicembre scorso l'ultima, la 222, sempre a firma della sindaca Raggi. 

La sindaca Virginia Raggi ha firmato l’ordinanza che dispone, dal 1° gennaio 2019 al 30 giugno 2019, il divieto di transito veicolare, dalle ore 23.00 alle ore 6.00 su alcuni tratti della Tangenziale Est, per contenere l’inquinamento acustico e ambientale. 
Questi i tratti interdetti: sulla "Sopraelevata", carreggiate di scorrimento comprese tra viale Castrense altezza via Nola, Circonvallazione Tiburtina altezza largo Settimio Passamonti e via Prenestina altezza via Bartolomeo Colleoni; sulla Circonvallazione Salaria, tratto via delle Valli – via Nomentana.

 Esentati dal divieto: i veicoli muniti del contrassegno per persone disabili; i mezzi adibiti al trasporto disabili, le ambulanze, il trasporto di sangue e organi; il trasporto pubblico locale, i taxi, le autovetture a noleggio con conducente; i mezzi addetti alla pulizia delle strade; i veicoli del soccorso pubblico, quelli delle forze dell’ordine e della Polizia Locale di Roma Capitale.

Nell'ordinanza si spiega che "permane la necessità, al fine di garantire un effettivo contenimento dell'inquinamento acustico, dell'attivazione di un sistema a postazioni fisse di controllo della velocità". Tradotto, servono autovelox e per questo si incaricano i dipartimento Trasporti e Simu di valutare la mitigazione acustica post e ante installazione degli autovelox. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento