Laziogate: Storace condannato a 1 anno e sei mesi di reclusione

Oltre a lui condannati Accame (2 anni), Maceri (1 anno), Piso (8 mesi), Perreca (8 mesi). Assolto invece Daniele Caliciotti. Il leader de La Destra: "Complimenti, questa è la giustizia italiana"

Francesco Storace è stato condannato ad un anno e sei mesi di reclusione nell'ambito del processo Laziogate. Con lui sono state condannate altre 6 persone. La sentenza è stata emessa questa mattina dal giudice monocratico Maria Buonaventura, della quarta sezione del Tribunale di Roma.

LE ALTRE CONDANNE - Con Storace sono stati condannati a 2 anni di reclusione il suo ex portavoce Nicolò Accame, ad un anno di reclusione per Mirko Maceri, l'ex direttore tecnico della società Laziomatica, Nicola Santoro e Romolo Reboa e Pierpaolo Pasqua. Ad otto mesi di reclusione sono stati, inoltre, condannati l'ex vicepresidente del consiglio comunale, Vincenzo Piso, (per il quale il pm aveva chiesto l'assoluzione) e Tiziana Perreca. Assolto invece Daniele Caliciotti per il quale il pubblico ministero aveva chiesto una condanna ad uno anno di reclusione. Per tutti la pena è sospesa e il presidente ha concesso le attenuanti generiche.

Maceri, Reboa, Storace, Accame e Santori sono stati condannati a risarcire la Lait in sede civile. Inoltre Accame e Pasqua dovranno liquidare in separata sede anche Alternativa sociale.

LA VICENDA - Il processo era legato alle presunte interferenze al corretto svolgimento delle elezioni regionali del 2005. Per questa vicenda, nel marzo del 2007, patteggiarono la pena davanti al gup del Tribunale di Roma, il collaboratore dell'ex presidente della Regione, Dario Pettinelli (tre mesi di reclusione poi convertita in sanzione pecuniaria) e l' investigatore privato Gaspare Gallo (dieci mesi di reclusione). Fabio Sabbatani Schiuma, predecessore di Piso alla vicepresidenza del consiglio comunale, fu invece prosciolto dalle accuse in sede di udienza preliminare.

IL COMMENTO - Polemico il primo commento di Francesco Storace: "Complimenti, questa è la giustizia italiana". Il legale del leader La Destra, Giosué Naso, ha aggiunto che quella di oggi "é una sentenza politica come purtroppo temevamo. Si tratta di una decisione sconcertante in un processo politico durato 43 udienza in tre anni di dibattimento. Ora leggeremo le motivazioni della sentenza e proporremo appello".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidenti stradali a Roma, giovedì di sangue: tre morti e una bimba di 10 anni in gravi condizioni

Torna su
RomaToday è in caricamento