La stazione San Giovanni è pronta: ecco la nuova fermata della metro C

L'opera tra qualche settimana verrà consegnata ad Atac per l'avvio delle fasi di pre-esercizio. Venerdì mattina la presentazione con la sindaca Raggi e l'assessore Meleo. Sabato 1 aprile open day per i cittadini dalle 10 alle 17

Sarà la prima "stazione museo" di Roma e "una delle più belle del mondo". Con la fermata della metro C di San Giovanni "abbiamo superato anche quella del Louvre". E' stata presentata ufficialmente questa mattina la nuova fermata che, "entro gli ultimi mesi del 2017", permetterà alla terza linea cittadina di collegarsi con la metro 'A'. Reperti archeologici esposti in teche lungo le pareti, pannelli esplicativi sui muri e un passaggio da un piano all'altro scandagliato dalla misurazione temporale delle fasi storiche e dell'attività umana, dall'età contemporanea fino a quella preistorica. Tra i tornelli e la banchina, per cittadini e turisti, servirsi della metro C a San Giovanni sarà un vero e proprio "viaggio nella storia". Lo ha spiegato Rossella Rea, direttrice scientifica dalla Soprintendenza di Stato: "La Soprintendenza ha creduto fortemente nel dovere morale di restituire alla cittadinanza non solo una stazione ma anche un viaggio nella storia del luogo attraverso le varie trasformazioni del posto per opera dell'uomo". 

Dopo anni di attesa, la stazione di Largo Brindisi è pronta e tra qualche settimana verrà consegnata ad Atac per l'avvio delle fasi di pre-esercizio. La prima ad aver visitato la nuova stazione è stata la sindaca Virginia Raggi, accompagnata dall'assessore alla Mobilità Linda Meleo, al presidente della commissione Trasporti, Enrico Stefàno, dall'amministratore unico di Roma Metropolitane, Pasquale Cialdini, e dall'amministratore delegato di Metro C spa, Fabrizio Di Paola. Con loro anche il soprintendente speciale per il Colosseo e l'Area archeologica centrale di Roma, Francesco Prosperetti e Rossella Rea, direttrice scientifica dalla Soprintendenza di Stato. Sabato 1 aprile le porte saranno aperte per tutti i cittadini dalle 10 alle 17. 

Tre piani di stazione per i quali è stato necessario scavare, a più riprese nel corso di tre anni, tra il 2010 e il 2013, a "quasi 30 metri" sotto terra. "Una profondità straordinaria se si pensa che gli scavi per i parcheggi arrivano a 9 metri, tanto che è stato possibile arrivare fino al cosiddetto 'terreno vergine' cioè quello dove la presenza dell'uomo è assente" ha spiegato Rea. Un "sito complesso e pluristratificato", nascosto "dalla masssiccia urbanizzazione della zona", portato alla luce grazie al lavoro della Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l'area archeologica centrale, esteso su una superficie complessiva di 3000 mila metri quadrati. "Quest'area era caratterizzata da alture e valli dove scorreva l'acqua". E i vari pezzi di tubature in coccio di un impianto di irrigazione di prima età imperiale sono lì a testimoniarlo. "In questa zona c'era una grande azienda agricola, tanto grande che si estende ben oltre i confini del cantiere, che produceva addirittura per pesche, un genere di lusso che veniva prevalentemente importato dalla Persia". 

VIDEO - LA METRO C ARRIVA A SAN GIOVANNI

Al primo piano della stazione, quello che dal livello della strada porta all'atrio, si passa dall''Età Contemporanea' alla 'Tarda età Imperiale' e ancora, scendendo al cosiddetto 'Piano corrispondenza', all'Età Repubblicana e a quella 'Protostorica Arcaica'. I treni, all'altezza della banchina, arriveranno nell'epoca 'Preistorica', lo strato più profondo. Lungo le pareti si trovano esposte anfore e utensili antichi, gioielli in oro e monete, pezzi di statue e vasellame, colonne e capitelli. 

"Una stazione bellissima e narrante" le parole di Raggi che ha invitato i presenti ad implementare "in più lingue i pannelli illustrativi, almeno in inglese, per aiutare anche i visitatori stranieri a leggere e comprendere". La sindaca ha inoltre richiesto la possibilità di "caratterizzare in senso artistico" anche le stazioni già funzionanti, quelle che da Montecompatri portano fino al Pigneto, "perché la bellezza aiuta i cittadini a rispettare quel che si ha". L'auspicio della sindaca, visti i ritardi con cui si arriva a questo traguardo, è che "si vada presto verso l'apertura per farla diventare fruibile e funzionante". Perché, come ha aggiunto Meleo, "questa stazione non ha valenza solo sotto il profilo storico-culturale ma anche per il servizio che svolge, visto che qui ci sarà il primo nodo di scambio con la linea A". Il collegamento diretto con quest'ultima avverà in un secondo momento. "Nei primi mesi i viaggiatori dovranno uscire ai tornelli e rientrare, naturalmente con lo stesso biglietto, senza però uscire a livello della strada". 

VIDEO - Un viaggio nella nuova stazione

San Giovanni è la prima ma non sarà l'ultima stazione con una tale valenza storico-culturale. "Nei prossimi mesi ne vedremo ancora di più belle con Amba Aradam" ha spiegato Cialdini. "Sarà una stazione eccezionale con la vista di un impianto militare di età Adrianea" ha aggiunto il soprintendente Prosperetti. "A Colosseo abbiamo recuperato l'idea erroneamente abbandonata di un centro di informazione per i visitatori nell'atrio della stazione. A piazza Venezia ci sono i ritrovamenti dell'Auditorium di Adriano che vogliamo valorizzare con l'amministrazione comunale". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

Torna su
RomaToday è in caricamento