Metro C, archeologia e storia per la stazione di San Giovanni: ecco il progetto

Il preliminare è stato presentato a un tavolo congiunto tra Roma Metropolitane, Società Metro C, il Dipartimento capitolino e la Soprintendenza. "Non sarà un luogo non asettico, ma culturalmente stimolante per gli utenti"

Ritrovamenti archeologici e riferimenti al contesto storico tornato alla luce con gli scavi della metro C. Parte da qui il progetto preliminare per il "miglioramento qualitativo" della stazione della metro C di San Giovanni presentato venerdì a un tavolo congiunto tra Roma Metropolitane, Società Metro C, il Dipartimento Mobilità e Trasporti di Roma Capitale e la Soprintendenza per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area archeologica di Roma.

Curato dai professori Andrea Grimaldi e Filippo Lambertucci del Dipartimento architettura e progetto della “Sapienza”, Università di Roma, il progetto riguarda l’allestimento della stazione metro San Giovanni, con la presentazione dei contesti storico-archeologici emersi duranti gli scavi di archeologia preventiva curati dalla dottoressa Rossella Rea. Nato dalle osservazioni e prescrizioni impartite dalla Soprintendenza al momento di importanti ritrovamenti emersi nel corso dei lavori, si legge in una nota del ministero dei Beni Culturali "il progetto è funzionale a rendere la stazione San Giovanni un luogo non asettico, ma culturalmente stimolante per gli utenti di Metro C, al fine di migliorare la qualità della vita dei cittadini romani e dei visitatori della capitale".

Si tratta del primo dei progetti di miglioramento qualitativo auspicati dalla Soprintendenza per le stazioni della linea C che attraverseranno il cuore di Roma. "In questo difficile momento per l’amministrazione capitolina" spiega in proposito il soprintendente Francesco Prosperetti "è imprescindibile sollecitare una maggiore attenzione alla qualità degli spazi pubblici della metropolitana di Roma. La linea C non è una tratta qualsiasi, ma attraversa la parte più importante e di alto valore simbolico della Roma archeologica e non solo. Dall’amministrazione comunale e da Roma metropolitane ci aspettiamo una risposta all’altezza delle aspettative dei cittadini".

L’amministratore delegato di Metro C Fabio Giannelli ha aggiunto: "Condividendo a pieno le esigenze di miglioramento espresse dalla Soprintendenza, la Società Metro C garantisce pieno sostegno a livello tecnico e programmatico per lo sviluppo di progetti così importanti per la città di Roma. In altri contesti urbani, come Napoli, lo sviluppo di analoghe iniziative nella costruzione delle linee metropolitane condotte dagli stessi soci di Metro C, non solo ha avuto il favore dei cittadini, ma anche importanti riconoscimenti a livello internazionale".

Potrebbe interessarti

  • Parcheggi di scambio: dove si trovano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Come ottenere il permesso Ztl

I più letti della settimana

  • Esplosione a Rocca di Papa: crolla la facciata del Comune, 16 feriti tra loro 3 bambini. Grave il Sindaco

  • Tragedia a Torvaianica: ragazzo di 17 anni morto affogato in mare

  • Viale Marconi: violentate e picchiate in strada. Aggressore fugge e viene investito

  • Meno di 300 euro andata e ritorno da Roma a New York: ecco il nuovo volo diretto

  • Torna #vialibera: domenica 16 giugno a Roma 15 chilometri di strade solo per bici e pedoni

  • Incidente A1: auto e tir forano gomme su una buca, maxi tamponamento fra 7 mezzi

Torna su
RomaToday è in caricamento