Stazione Divino Amore, next stop Campidoglio: manca solo il via libera del Comune

Per la realizzazione della fermata ferroviaria Regione e Municipio già si sono espressi. De Juliis (FdI): "Situazione di stallo, serve il pronunciamento del Campidoglio"

Collegare l'estrema periferia con il centro cittadino. In pochi minuti e senza ricorrere all'utilizzo del mezzo privato. E' questo il sogno che al Divino Amore coltivano da almeno una decade. 

Un passaggio necessario

L' obiettivo, nel corso degli anni, è stato portato all'attenzione di tutti i livelli istituzionali. Al punto che ora, dopo la firma dell'accordo di programma tra Regione e RFI, serve un ulteriore via libera: quello del Campidoglio. "Ci siamo resi conto che senza l'approvazione dell'Aula Giulio Cesare, il progretto legato all'apertura di una fermata ferroviaria a Falcognana rischia di non decollare. Di fatto – riflette il vicepresidente del Consiglio municipale Massimiliano De Juliis – ci troviamo in una condizione di stallo, cosa che però non riguarda altre fermate che RFI potrebbe realizzare, come quella di Statuario".

Statuario o Divino Amore?

Sia Statuario che Divino Amore si trovano citate nell'accordo di programma che nel 2018 la Regione Lazio ha sottoscritto con RFI. Il timore, per chi vive nel quadrante meridionale della città, è che la scelta di finanziare l'una, possa far perdere quota al progetto dell'altra.

La fermata di Statuario: l'Appia Antica station

Municipio e cittadini sposano il progetto

Per quanto riguarda Falcognana, si tratta di realizzare una fermata  a 500 metri di distanza dalla vecchia stazione Divino Amore, chiusa nel 1964. L'idea piace anche al Municipio IX che, non per la prima volta, si è espresso favorevolmente. Ed infatti, a supportare la posizione del parlamentino di via Silone, si è presentato anche il presidente del Consiglio municipale Marco Cerisola che, con De Juliis (FdI) ed una delegazione di cittadini scelti dai comitati di zona, hanno partecipato ad un'apposita seduta che il 28 gennaio, si è svolta nella Commissione Mobilità di Roma Capitale. 

Gli approfondimenti prima del voto

"La nostra richiesta è quella che si arrivi al più presto al voto dell'Aula Giulio Cesare" ricorda De Juliis. In passato, il gruppo capitolino di Fratelli d'Italia, aveva anche presentato un'apposita mozione. "L'abbiamo ritirata perchè ci era stato richiesto di approfondire in Commissione mobilità questa proposta – spiega il consigliere municipale De Juliis (FdI) – è quello che è stato fatto. L'obiettivo però è di riportare questo progetto all'attenzione dell'Assemblea Capitolina". Il via libera di Roma Capitale aprirebbe le porte alla realizzazione d'un progetto a cui, nel Municipio IX, migliaia di cittadini si stanno aggrappando. Raggiungere il centro in pochi minuti, senza restare incolonnati con l'auto su stradine come Porta Medaglia o via Ardeatina, sarebbe un sogno. Tutto sommato alla portata.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento