Statue nude coperte in Campidoglio: "Scelta che offende la cultura occidentale"

La decisione in occasione della visita del presidente iraniano, per non offendere la sensibilità della cultura islamica. Contro le misure insorgono da destra e dal Sel

Da ieri dei pannelli bianchi circondano da tutti i lati alcune statue nude conservate nei Musei Capitolini. Un espediente tecnico messo in campo per la visita del presidente iraniano Hassan Rohani in Campidoglio, una forma di rispetto per la cultura e la sensibilità del capo di Stato, confermata dall'assenza del vino dalla tavola della cena di gala servita in suo onore sulla terrazza Caffarelli. 

Contro la misura insorgono le destre: "La scelta di oscurare le nudità di alcune statue ai musei Capitolini - dichiara in una nota il capogruppo di Fratelli d'Italia -Alleanza nazionale Fabio Rampelli è degna del peggiore terrorista islamico. E' stata una decisione che offende la cultura occidentale, la supremazia dell'arte come veicolo di cultura e di libertà. È una vergogna sulla quale il ministro Franceschini dovrà dare chiarimenti. Chi deve sparire sono i dirigenti che hanno deciso di coprire le nostre opere d'arte che vanno immediatamente liberate di ogni ingombro"

"Una scena già vista a Firenze, quando una statua di nudo esposta a Palazzo Vecchio è stata coperta per non infastidire lo sceicco principe ereditario degli Emirati Arabi" scrive indignata su Facebook la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. "Il livello di sudditanza culturale di Renzi e della sinistra ha superato ogni limite di decenza. A questo punto ci chiediamo che cosa avrà in mente Renzi per l’arrivo in Italia dell’emiro del Qatar previsto in settimana: coprire la Basilica di San Pietro con un enorme scatolone?".

Ancora dal Parlamento gli fa eco il deputato di Forza Italia Luca Squeri: "La copertura delle statue dei musei capitolini per la visita di Rohani è una prova di zelo eccessivo e, per questo, non condivisibile. Il rispetto per le altre culture non può e non deve equivalere alla negazione della nostra. Questo non è rispetto, è annullamento delle differenze o addirittura sottomissione. Ed è la conferma che quando Renzi parla di identità e di integrazione lo fa a vanvera. Perché l'identità non si nasconde, e senza valorizzazione della nostra identità non ci può essere vera integrazione", conclude Squeri.

E non ci si indigna solo a destra. "Chiediamo al Presidente del Consiglio Matteo Renzi spiegazioni immediate e ufficiali su una scelta che consideriamo una vergogna e una mortificazione per l'arte e la cultura intese come concetti universali - dichiara l'ex capogruppo capitolino di Sel, Gianluca Peciola - inoltre riteniamo che siano stati gravemente violati e compromessi i principi di laicità dello Stato e di sovranità nazionale".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di franco
    franco

    Ho ascoltato al TG le interviste a Franceschini e Renzi che dichiaravano di non essere loro gli artefici dell'iniziativa. Spero che nel percorso del presidente Iraniano non abbiano sistemato poliziotti con metro per controllare la lunghezza delle gonne. Siamo ritornati al tempo dei "braghettoni" papali.

  • Italiani Pagliacci

  • Siamo diventati la nazione del paradosso. La vergogna d'Europa

  • .....che fine che abbiamo fatto.... V E R G O G N A T E V I

  • quanta sensibilità abbiamo verso tutti,,ma loro agirebbero così nei ns confronti????solo perchè forse ci porteranno soldi e lavoro(((almeno speriamo)) ci passiamo sopra, però siamo proprio fantozziani

  • Che pupazzi

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Dalla Marijuana march al Totti Day: artificieri ed unità cinofile in campo per la sicurezza

  • Cronaca

    Acilia: incendio "doloso" distrugge la palestra del Parco della Madonnetta

  • Politica

    Cinema America, i dubbi di Raggi mettono a rischio la rassegna. A salvarla il Municipio Pd

  • Politica

    Servizio Giardini, arrivano quindici nuovi mezzi: "Incrementare gli interventi"

I più letti della settimana

  • Portonaccio, la preferenziale trappola per fare multe? Il caso finisce in Campidoglio

  • Va al bar e non timbra il cartellino: licenziata dipendente comunale. Il legale: "Stava male"

  • Carta d'identità, il Comune interviene sulle attese eterne: "Da oggi solo una prenotazione alla volta"

  • L'ex assessora Muraro contro la Giunta Raggi: "Perderanno la partita"

  • Ivanka Trump conquista Roma: ieri la cena in centro, oggi visita a Sant'Egidio

  • Case della Regione in vendita: "Tempi stretti e niente tutele per i più poveri"

Torna su
RomaToday è in caricamento