Stadio Flaminio, da Los Angeles una pioggia di dollari: "Primo passo verso il rilancio"

La vittoria del bando internazionale "Keeping it modern" destinerà 180mila dollari per sviluppare il piano di conservazione dello stadio Flaminio. Raggi: "Vogliamo che lo sport torni a vivere in questa struttura"

Una boccata di ossigeno per lo stadio Flaminio. La Getty Foundation di Los Angeles ha infatti deciso di finanziare con 180mila dollari il piano di conservazione dell'impianto sportivo realizzato da Pier Luigi e Antonio Nervi. L'intenzione del Campidoglio di partecipare al bando internazionale "Keeping it modern" era già stata annunciata lo scorso gennaio. Il finanziamento concesso, è figlio di quell'iniziativa assunta dal Campidoglio e da una rete di altre realtà, tra cui la Pier Luigi Nervi Project.

Gettate le basi per la tutela del Flaminio

Il finanziamento ottenuto, consente di muovere un primo passo verso la realizzazione di un progetto di recupero. L'obiettivo, dell'amministrazione capitolina, resta quello di restituire "Il Flaminio" alla sua funzione originaria rendendolo, nel contempo, un impianto sportivo polivalente. “La stesura di un piano di conservazione per il Flaminio pone le basi per la sua tutela - spiega Marco Nervi, presidente del PLN Project - Con il grant concesso all'Università La Sapienza e la cooperazione attiva del Comune di Roma, potremo stilare un piano completo che  consenta di tramandare questo capolavoro del moderno alle future generazioni senza prescindere dalle sue caratteristiche storiche e architettoniche".

L'obiettivo di Roma Capitale

Dal Campidoglio si registra una comprensibile soddisfazione per la vittoria del bando internazionale. “Come Assessore allo Sport, sin dall’inizio del  mio mandato, ho puntato molto a questo impianto che è un simbolo dello sport romano  e dell’architettura contemporanea. Con la famiglia Nervi - ha ricordato l'assessore allo sport ed alle politiche giovanili Daniele Frongia - abbiamo subito collaborato per riportare lo Stadio Flaminio agli antichi splendori. Duole constatare quanto l’assenza di politica e di interventi lo abbia ridotto così”.

Un primo passo importante

Anche la sindaca Raggi ha sottolineato il risultato appena ottenuto. “Quella di oggi è una buona notizia perché dimostra quanto quest’Amministrazione si sta impegnando per recuperare ciò che per anni è stato abbandonato. Oggi abbiamo fatto un primo passo per restituire lo Stadio Flaminio ai cittadini. Questo impianto sarà centrale per lo sport della Capitale e siamo orgogliosi che questo percorso per il suo rifacimento sia iniziato grazie all’impegno della nostra Giunta - ha annunciato la Sindaca Raggi -  Vogliamo che lo sport possa rivivere dentro questa struttura e che la Capitale sia sempre più una Capitale dello sport” .
 

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Sos pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

  • Sciopero: domani 24 luglio stop a metro, bus, treni e taxi. Tutte le informazioni

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incidente Anagnina, perde il controllo della moto: muore 32enne

Torna su
RomaToday è in caricamento