Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

VIDEO | Ecco come è ridotto lo stadio Flaminio

La video-denuncia di Fratelli d’Italia sullo stato di abbandono dell’area antistante lo Stadio Flaminio così come dell’interno dell’impianto sportivo

 

Dieci giorni fa il sopralluogo in occasione della notte bianca degli impianti sportivi. Oggi con una video denuncia Fratelli d'Italia mostra lo stato dello Stadio Flaminio preda di incuria e abbandono, tanto all'interno quanto all'esterno. 

 
“Non è la prima volta che facciamo un sopralluogo per verificare la situazione in cui si trova quello che era un gioiello d’architettura, uno dei fiori all’occhiello della nostra città e del quadrante di Roma nord che da tempo però versa in condizioni pietose e fatiscenti. L’area antistante è una discarica a cielo aperto: abbiamo trovato di tutto. Ancora campeggiano le roulotte – in sosta abusiva - che trovammo quando venimmo oltre un anno fa in epoca amministrazione Marino. Con la Raggi sindaco nulla è cambiato, rifiuti ovunque e di qualsiasi genere, dai materiali che andrebbero conferiti in discarica al vestiario. Alberature non tagliate ed erba alta che favorisce accampamenti illegali e rifugi di fortuna. Come mostra il nostro video, infatti, si evince la presenza di persone – probabilmente extracomunitari – che dormono in giacigli ricavati all’interno della boscaglia che in questi anni si è creata perché non manutenuta. Addirittura abbiamo scovato un cancello, fintamente chiuso con una catena, dal quale si accede senza alcun tipo di ostacolo e si entra direttamente all’interno della pista esterna che porta dentro il Flaminio. Una terra di nessuno ai limiti di ogni criterio di sicurezza. E’ scioccante lo stacco ottico che si ha osservando le tribune, le curve e il campo. Uno spettacolo desolante dove al posto di quello che una volta era il prato all’inglese ci sono oggi erbacce alte un metro. Le sedute degli spalti sporche e scolorite e le vetrate che delimitano il green dalle tribune imbrattate da graffiti. Di fatto, una struttura che sta letteralmente cadendo a pezzi con chiari segni di cedimento e deterioramento. In merito alla progettazione per la riqualificazione dello stadio, ci riferiamo al bando vinto dalla Getty Foundation - goccia nel deserto positiva ma non risolutiva - si prevedono tempi molto lunghi mentre sull’iter di inizio dei lavori c’è il buio totale e nessuno è in grado di stimare una possibile data. Il rischio, quindi, che lo stadio vada definitivamente in malora è concreto, così come di fronte all’impianto è inaccettabile che l’area rimanga in uno stato di degrado assoluto. Il lassismo ieri della sinistra e oggi dei 5 Stelle ha accomulato ritardi e  incuria, chiediamo all’Amministrazione di intervenire d'urgenza mettendo in sicurezza sia i varchi di accesso alla struttura che avviando operazioni di pulizia e bonifica di tutta la zona che circonda il Flaminio” – commentano gli esponenti di Fratelli d’Italia, Fabrizio Ghera capogruppo in Campidoglio, Andrea De Priamo consigliere comunale e Daniele Rinaldi dirigente romano.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento