Stadio della Roma, svelato il parere dell'avvocatura: era stato "secretato" dalla Sindaca

Iniziato l'iter in Campidoglio per l'eventuale annullamento della delibera sul pubblico interesse dello stadio. Durante la prima commissione Sport l'ex grillina Grancio (DemA) ha rivelato il contenuto del parere che era stato richiesto da Berdini

La commissione Sport discute della delibera di Grancio e Fassina

Il Campidoglio ha cominciato a valutare una richiesta dirimente per il futuro dell'AS Roma a Tor di Valle. In Commissione sport è infatti approdata la delibera proposta dai Consiglieri Grancio e Fassina. E' quella che recentemente è stata approvata in Municipio IX, il territorio interessato dal progetto dello "stadiofattobene". E prevede che il parere sulla pubblica utilità del progetto, venga annullata.

Saranno cinque le commissione capitoline che valuteranno la richiesta di Grancio e Fassina, prima che venga poi discussa e votata in Aula Giulio Cesare. Ad aprire le danze  nella mattinata di lunedì 15 aprile ha provveduto la Commissione Sport. Ed in quella sede, a sorpresa, l'ex grillina Cristina Grancio ha deciso di leggere alcuni stralci di un parere chiave. Si tratta di quello che, per primo, richiese Paolo Berdini all'avvocatura capitolina. Un parere, quello rilasciato da Andrea Magnanelli, che era stato secretato dalla Sindaca e che pochissimi consiglieri, in via riservata, hanno finora potuto leggere.

Il parere dell'avvocatura

"La scelta di realizzare un impianto del tutto nuovo in un'area non edificata  richiede un'adeguata motivazione" ha letto Grancio in commissione.  "In caso di mancata motivazione – è scritto nel parere dell'avvocatura che l'ex grillina ha letto in commissione Sport – l'intero procedimento si porrà a rischio annullamento nelle competenti sedi giuridiche. Nella deliberazione in esame e nello studio di fattibilita' la questione non viene minimamente trattata con evidenti violazioni degli obblighi di motivazione se non anche con violazione di legge".

Il rischio annullamento

Nel corso di un'intervista rilasciata a Romatoday, lo scorso venerdì 12 aprile, Cristina Grancio aveva anticipato quest'aspetto dell'avvocatura. "Bisogna giustificare la scelta di non aver individuato un posto in cui le infrastrutture sono già presenti. Nello studio di fattibilità dovevano spiegare per bene questa decisione". Invece, come ricordato in Commissione Sport, questo chiarimento non c'è stato.  E di conseguenza, parafrasando il parere di Magnanelli, "l'intero provvedimento si porrà a rischio annullamento".

Leggi l'intervista completa a Cristina Grancio

Desecretare il parere

Ora si pone il problema di mettere tutti nelle condizioni di conoscere il parere dell'avvocatura capitolina. Secondo Grancio infatti "è dovere della maggioranza renderlo pubblico". Un avviso del quale si dichiara convinto anche il collega di Sinistra per Roma Stefano Fassina. "L'avvocatura non dovrebbe essere un organo al servizio della maggioranza – ha ricordato il consigliere capitolino - e non può entrare nella discussione politica di un'amministrazione".  

L'indecisione dei grillini

Sul fronte della politica, per ora, si conosce solo il parere del Municipio IX. Centrodestra e centrosinistra  con il supporto di una sola grillina e dell'ex pentastellato Mancuso,  hanno votato a favore della delibera di Grancio e Fassina. Ma nel regolamento del Municipio IX le anstensioni, opzione in cui si sono tutti i grillini, non contano. In Campidoglio sì. Quindi occorre che, i pentastellati, decidano quale sia la scelta da fare. Senza pubblico interesse, che Grancio e Fassina chiedono di annullare in autotutela, niente stadio a Tor di Valle.

Trasparenza 

Intanto l'opposizione, anche in Campidoglio, inizia a svelare le carte. "Sulla delibera Grancio-Fassina come Lista Civica siamo favorevoli a bloccare in autotutela una delibera sbagliata, ma vorremmo anche avere i pareri dell'Avvocatura, uno dei quali è ancora secretato e conosciuto solo dalla maggioranza  – ha fatto sapere Svetlana Celli, capogruppo della lista RomaTornaRoma, riferendosi proprio al parere di Andrea Magnanelli che, per ora, sembra in possesso solo della consigliera Grancio. "L'Amministrazione capitolina non dovrebbe rischiare penali, perché ad oggi,  fino a quando l'iter non è concluso con l'approvazione della variante del PRG da parte dell'Assemblea Capitolina, un diritto acquisito non esiste. E anche su questo vorremmo avere delle certezze". Insomma, prima di sciogliere le riserve, potrebbe essere utile conoscere in via definitiva il parere finora secretato. In commissione sport, lunedì 15 aprile, si è fatto un passo in avanti. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (32)

  • a parte il fatto che alla maggioranza sfugge che ogni volta che il governo si rimangia una decisione presa in precedenza, è costretto a risarcire gli investitori, creando debiti su debiti e non sto parlando solo dello stadio e solo di Roma.

  • Caudo e Berdini hanno in proposito opinioni (interpretazione della legge) opposte. Ma ora c'è cycom che fa pendere la bilancia a favore di Berdini.

    • Notoriamente cycom ha, navigando tutto il giorno anziché lavorare, le medesime competenze e il medesimo curriculum di caudo e Berdini, e può confrontarsi con loro.

  • Cycom, ma perché invece di stare sempre sui siti a difendere i 2 stelle non lavori durante l'orario di lavoro? Fai tanto il preciso quando sono gli altri a dover rispettare le regole, e poi tu stai continuamente su Internet durante l'orario di lavoro approfittando che nessuno ti controlla. Non per caso sei sempre al primo posto per numero di commenti su questo sito.

    • continua ad essere al primo posto, è sempre il primo commentatore. Ha molto tempo a disposizione evidentemente.

    • Eeeehhhh, facile fare la morale agli altri e poi trasgredire visto che nessuno lo scopre.

      • esatto.

  • Tutte queste motivazioni del no c'erano già prima, perché aspettare 3 anni per dire no dopo aver detto per 3 anni si con lo slogan, uno dei tanti, unostadiofattobene?? Gli investitori, con questa suprema e superba incertezza, si allontaneranno ancora di più da Roma, questa è una catastrofe economico finanziaria che avrà pesanti conseguenze sul futuro di Roma.

  • Incapaci a 2 stelle! 3 anni per dire no??? 3 anni per dire no dopo aver detto si? 3 anni? Incapaci inetti.

  • Mi auguro che si possa andare avanti nel progetto. Lo spero per quei circa 40 mila (capienza nuovo stadio metà dell'Olimpico), che forse non potranno andare a vedere la Roma la domenica nel nuovo stadio servito da un vero parcheggio, da una strada a 4 corsie, da una linea ferroviaria e stazione, con il GRA a due passi, ecc. Lo spero per tutto il quadrante del Foro Italico, Flaminio, Trionfale, Monte Mario, lungo Tevere, che tutti finesettimana dell'anno è paralizzato di 80 mila spettatori, che muovendosi tra i condomini non trovano mezzi pubblici e parcheggi per arrivare e andarsene dall'Olimpico. Ma lo spero soprattutto per Roma e perché ci sia il recupero di 30 anni di dissesto idrogeologico in tutta Tor di Valle e quartieri annessi come imposto dal progetto del nuovo stadio.

    • Per una volta, pur non essendo io un tifoso, concordo con te.

  • scusate questo iter è iniziato 5 anni fa. Veltroni/Alemanno/Marino/Tronca. Sono stati individuati 10 siti e poi il comune di Roma ha scelto il sito di tor di Valle(Alemanno). Sono stati impiegati dalla società as Roma milioni per il progetto sotto la giunta Marino con l'ausilio dell'allora assessore Giovanni Caudo (professore ordinario di urbanistica Roma 3) furono fatte tutte le osservazioni necessarie e gli adempimenti di legge in via compensatoria che prevedeva da parte dei proponenti privati la costruzione di: ponte, raddoppio della via del mare, allungamento della metropolitana, messa in sicurezza degli argini. Ora questi geni compreso berdini (urbanista da salotto) dicono no ai grattacieli e giustamente il privato non costruisce più in compensazione tutto quello di cui sopra. In qualsiasi capitale europea sarebbe già in uso. porta lavoro pre e post opera migliora la vivibilità. il diritto è già stato acquisito quindi la società as Roma può chiedere i danni. sono schifata da questa amministrazione che blocca tutto quello che porta progresso. incompetenti al potere

    • Migliora la vivibilità? Più o meno d'accordo sul resto, ma non su questo. Ed è proprio questa la questione che distingue una normale proposta da una a cui assegnare benefici e deroghe previsti dalla pubblica utilità

  • stadio a tor di valle = blocco totale del traffico. le partite si giocano a stadio semivuoto perche' i tifosi sono tutti in fila bloccati sulla via del mare.

  • Follia uno stadio a Tor di Valle. La zona è già congestionata così.

  • finché l'ultimo che passa può rimettere in discussione una decisione già presa, questo paese non andrà da nessuna parte

    • finche verranno prese certe scelte non si andrà da nessuna parte....mi spiega per quale motivo...un privato deve avvantaggiarsi per milioni di euro solo perchè la politica cambia le cubature? ...parnasi..compra un terreno a 40 ...con la politica aumenta le cubature.....e lo rivende a oltre il doppio con i metodi che sono in discussioni nei tribunali? ma di cosa parliamo? possiamo accettare certi metodi? certe scelte possono essere nell interesse della città?

      • Entri a pieno nel regime dei 5 stelle, "certe scelte non le prendiamo cosicché non possiamo sbagliare" questo si chiama immobilismo

  • Se fossi io il proponente stopperei il progetto, cercherei un altro sito ( è stato proposto Fiumicino ) e li lascerei al Campidoglio a riflettere sulla loro onesta, su come il vento cambia e tutte le boiate che raccontano, e soprattutto farei una denuncia risarcitoria da fargli venire i capelli bianchi, anni e anni per prendere una decisione, il dossier passa da questo poi lo visiona quest altro poi ancora quello... una città gestita come non mai da gente ridicola, qui non è questione di stadio della Roma a Tor di Valle, questi non faranno mai nulla proprio e soprattutto senza investimenti privati, perché la politica senza il privato è utile come la carta igienica colorata

  • Ovvero lo dovevano dire subito!

  • E menomale che l'hanno secretato sto grandissimo parere : se è una nuova costruzione, non si può fare. Glande parere.

    • Esiste un piano regolatore che dice dove si può e dove non si può realizzare una nuova costruzione. Lì non si può.

      • Proprio per questo esistono le varianti al PRG

      • Genio, capisco che navigando tutto il giorno, anziché lavorare, sei super informato su tutto, ma se è così scontato quello che dici, come mai la sindaca si è fatta fotografare con lo slogan unostadiofattobene e ha millemila volte detto, prima dell'arresto del suo de vito, che lo stadio si sarebbe fatto? È una scelta politica quella di non costruire più, solo politica. Approfittando dell'interpretazione della legge (tu credi di essere il portatore del verbo ma ti comunico che ho dubbi che tu sia più competente di Caudo, professore universitario).

  • Al di là di qualsiasi corrente e opinione politica, è pazzesco concepire uno sdadio in quel sito! Essendo pii di ❤ giallorosso, a malincuore è da bo cciare una struttura in tale sito.

  • Ovvero, non c'è pubblico interesse!

    • Ovvero rimarrà come la Vela di Calatrava per moltissimi anni...

      • quella l'hanno fatta sperperando centinaia di milioni di euro, questo per fortuna no e non lo faranno mai

        • Questo di ora sto parlando e non del futuro. Ho scritto che rimarrà come quello della Vela, un ROTTAME!!! SVEGLIA! Oltretutto pagheremo noi la riqualifica se mai ci sarà e a prezzo molto ma molto caro.

          • Ma hai mai messo piede a tordivalle e sui terreni dove si dovrebbe realizzare questa speculazione? Sai che sono candidati ad entrare nella riserva naturale del Tevere e dell'Agro romano? Dove sono le vele e i relitti?

            • Non voglio lo stadio. Voglio che quello scheletro sia tolto!!! Ha delle idee?! Sa quanto ci costerà?! Grazie

              • Scheletro, relitto, tribune... Parlo di RIQUALIFICAZIONE della zona tutta. Chi dovrà pagare e quanto?!

Notizie di oggi

  • Politica

    25 aprile: per Raggi applausi e fischi al corteo Anpi. "Buffona, sgombera CasaPound"

  • Incidenti stradali

    Incidenti stradali: due morti in un'ora, le tragedie a Centocelle e San Giovanni

  • Cronaca

    Centocelle, in fiamme 'La Pecora Elettrica'. Il quartiere abbraccia la libreria simbolo: "Risorgerà"

  • Politica

    Tor Bella Monaca in lutto: è morta Pina Cocci, storica militante Dem

I più letti della settimana

  • È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Perde controllo dell'auto e si ribalta in una cunetta, tre feriti. Due sono gravi

  • 25 aprile a Roma: strade chiuse e bus deviati per il giorno della Liberazione

  • Amazon apre a Settecamini: nuovo deposito smistamento a Roma, previsti 115 posti di lavoro

  • Marco Vannini, l'omicidio del giovane di Ladispoli in uno speciale de Le Iene. On line c'è chi rimorchia con la sua foto

  • Valmontone: scontro auto-moto, due feriti. Una è la moglie di Cerci

Torna su
RomaToday è in caricamento