Sanità privata, sospeso lo sciopero del 20 settembre: "Riaperta la trattativa per il rinnovo del contratto"

Si è tenuto martedì un incontro presso il ministero della Salute

Un momento di protesta (Immagine di repertorio)

Sospeso lo sciopero della sanità privata previsto per il 20 settembre. La mobilitazione, indetta a livello nazionale, avrebbe coinvolto anche i 25mila lavoratori delle strutture accreditate della regione che forniscono circa un terzo del servizio sanitario regionale complessivo. La decisione è stata presa ieri al termine di un incontro con il neo ministro della Salute, Roberto Speranza, il presidente della Conferenza delle regioni, Stefano Bonaccini, le delegazioni di Aris e Aiop e le organizzazioni sindacali Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl. Al centro della discussione il rinnovo del contratto nazionale per i dipendenti di questo settore che è fermo da 12 anni con conseguente disparità di trattamento rispetto ai colleghi del comparto pubblico. Dopo mesi di stallo, il tavolo di ieri ha riaperto la trattativa. 

“Dopo gli scioperi, le mobilitazioni nazionali dei mesi scorsi e l’importante e positivo interessamento del Ministro Speranza, abbiamo preso atto della volontà delle parti datoriali di riprendere le trattative, con un incontro il prossimo 19 settembre che avrà al centro il tema della valutazione delle disponibilità economiche utili alla sottoscrizione del Contratto collettino nazionale e la definizione del calendario di successivi incontri”, affermano Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl. Lo sciopero è quindi sospeso “fermo restando che rimane confermato lo stato di agitazione e le mobilitazioni già concordate sui territori al fine di sostenere il tavolo e la vertenza nazionale”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini ha sottolineato “tre elementi positivi". Eccoli: "Prima di tutto l'attenzione prestata dal neo Ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha voluto introdurre ed aprire il confronto su questo tema. Poi la disponibilità da parte delle organizzazioni datoriali a riprendere le trattative. Infine, fermo restando lo stato di agitazione, le organizzazioni sindacali hanno deciso di sospendere lo sciopero previsto per il prossimo 20 settembre. Da parte nostra” ha concluso Bonaccini “c’è grande attenzione e sensibilità su questo tema, ma occorre grande senso di responsabilità da parte di tutti per arrivare in tempi celeri alla firma del contratto”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento