Smog, il Campidoglio esulta: "Roma è tra le migliori grandi città italiane per qualità dell'aria"

Replica di Greenpeace: "Di cosa si rallegra l'Assessora Montanari?". Legambiente: "Roma non è virtuosa"

Foto di repertorio

Negli ultimi due giorni sono stati presentati una serie di dossier sull'inquinamento. Roma, rispetto alle altre città italiane, è messa decisamente meglio. Sabato il dossier dell'Oms, posizionava la città eterna dietro Torino, Milano e Napoli, concentrazioni di polveri sottili simili a quelle di Parigi, pari a 28 microgrammi per metro cubo. Oggi il dossier di Legambiente Mal'Aria racconta come la Capitale sia fuori dai 39 comuni più inquinati. Greenpeace colloca invece Roma al secondo posto per le concentrazioni di inquinamento vicino alle scuole. Insomma un quadro migliore rispetto a quello delle altre città italiane, ma sicuramente nulla di cui rallegrarsi. 

Dal Campidoglio però, evidentemente, non la pensano così. In particolare l'assessora all'Ambiente Pinuccia Montanari, commentando i dati, in un comunicato dal titolo eloquente (Roma è tra le migliori grandi città italiane per qualità dell’aria), parla della situazione smog: "Roma è tra le migliori grandi città italiane per qualità dell'aria. Se nell'immediato i risultati sono migliori della media italiana, la nostra visione per il futuro della città prevede una drastica riduzione di emissioni dannose sia per la salute umana che per il clima. I dati di Greenpeace sull'inquinamento dell'aria in città arrivano proprio nel giorno in cui sono a Parigi ad illustrare i piani dell'Amministrazione Capitolina per fare di Roma una città sostenibile, inclusiva e resiliente. Si tratta di obiettivi sfidanti che sono tra le priorità della Giunta Raggi e per i quali sono stati attivati tutti gli strumenti possibili di partecipazione e condivisione".

Dichiarazioni che non sono passate inosservate tanto a Legambiente, quanto a Greenpeace. La prima allontana l'idea di una città virtuosa: "A Roma, nel 2017, non sono stati superati i 35 giorni di Smog oltre i limiti, in virtù di un autunno particolarmente piovoso e ventoso e non certo per politiche di abbattimento delle emissioni che non abbiamo visto - commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -. Il blocco dei diesel euro 2 del Comune è ridicolo visto che ferma autovetture di 20 anni e non c'è alcun provvedimento amministrativo concreto a freno dello smog, non si stanno ampliando le ZTL e il rilancio di trasporto pubblico e ciclabilità sono evidentemente fermi al palo. Oggi, dopo 6 giorni di Smog, si continuano a far fermare solo i vecchi diesel, senza considerare stop più determinati ai veicolari privati; si dovrebbe invece prevedere il blocco totale dei diesel, il potenziamento immediato delle preferenziali protette, e tutto quanto è possibile per eliminare autovetture private a vantaggio della salute delle persone. A Roma, da inizio 2018, la centralina di Preneste ha registrato 7 superamenti, 6 quelle di Cinecittà e Tiburtina, 5 a Magna Grecia e 4 a Fermi e Bufalotta".

Sulla stessa linea Greenpeace: "Sorprende la soddisfazione dell'assessore Montanari per i dati diffusi da Greenpeace, relativi alle concentrazioni atmosferiche di biossido di azoto nella città di Roma. Non capita spesso che un assessore all'Ambiente si compiaccia di valori che eccedono le soglie indicate dall'OMS per la protezione della salute umana; e che nel caso dei rilevamenti di Greenpeace, svolti di fronte a scuole primarie e dell'infanzia, interessano direttamente i bambini, i più vulnerabili agli effetti di quel gas" dichiara Andrea Boraschi, responsabile della campagna Trasporti di Greenpeace Italia. "I dati istituzionali, di Arpa Lazio, dicono che negli ultimi anni l'aria di Roma, quanto a concentrazioni di biossido di azoto, è in assoluto tra le città peggiori in Italia, seconda solo a Torino e con valori mediamente di poco superiori a quelli di Milano. Davvero non capiamo cosa ci sia da rallegrarsi". 

Greenpeace ha chiesto fin dallo scorso giugno un confronto con la giunta capitolina sul nesso tra qualità dell'aria, crisi sanitaria e mobilità urbana. L'associazione ambientalista è ancora in attesa che questo confronto venga avviato.
 

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • Mercato immobiliare Roma: atteso un consolidamento delle compravendite, ma valori ancora in calo

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento