Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Primavalle, Raggi contestata da occupanti e senza casa: "Le famiglie di Cardinal Capranica attendono risposte"

 

Contestazioni per la sindaca Virginia Raggi a Primavalle al termine della presentazione del progetto per il nuovo mercato in via Iginio Papa. A prendere il microfono due persone che vivono nelle occupazioni del territorio dove il 15 luglio scorso è stata sgomberata l'ex scuola di via Cardinal Capranica lasciando senza casa circa 300 persone.

A prendere parola per prima una signora: "Ho un marito disabile, mi hanno sgomberata e chi mi ha accolto sono stati i movimenti per il diritto all'abitare altrimenti mio marito finiva in un centro per disabili e io alla Caritas. Le ho scritto varie volte e le chiedo perché non mi ha mai risposto".  Così ha replicato la sindaca: "Mi dispiace molto ma il mio Facebook ha 900mila contatti e non posso rispondere a tutti i messaggi però non è il canale corretto. Abbiamo i servizi sociali del municipio e del comune, capiremo quali sono gli strumenti per aiutare questa signora". 

La protesta è continuata con un secondo intervento da parte di un residente in una delle occupazioni della zona e attivista dei movimenti per il diritto all'abitare. "Avremmo voluto che la sindaca fosse presente anche per incontrare quelle famiglie e che stanno ancora aspettando una risposta", la protesta. "Le scuole stanno cominciando, molti bambini stanno a 40 chilometri da qui e alcune di quelle persone hanno chiesto aiuto alle occupazioni della zona". Proprio ieri mattina, dopo la protesta di lunedì con tanto di tentativo di occupazione simbolica di uno stabile in via Battistini, si è tenuto un tavolo dal quale è emerso che, almeno per ora, l'unica strada è trasportare i bambini tutti giorni da Centocelle, Tor Vergata e Portuense fino a Primavalle. Dai centri di accoglienza dove sono stati messi fino al quartiere che fino a un mese e mezzo fa ospitava la loro casa.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento