Sicurezza stradale, 45 pedoni morti in un anno: CittadinanzAttiva lancia “l’Operazione zebra”

Avvisi da lasciare sui parabrezza degli automobilisti indisciplinati e campagna social per raccogliere le segnalazioni sugli attraversamenti inefficaci. CittadinanzAttiva chiede al Campidoglio d'invertire la rotta: "Mettiamo il pedone al centro"

Pedoni che attraversano le strisce cancellate. Foto di CittadinanzAttiva

Duemila pedoni feriti e quarantacinque deceduti solo nelle strade della Capitale. CittadinanzAttiva punta sui numeri per risvegliare le coscienze. I dati, relativi al 2017, sono impressionanti. E mostrano la necessità, per l’amministrazione, d’investire maggiormente sulla sicurezza stradale, soprattutto per quanto riguarda i pedoni. 

L'assenza del Campidoglio

“Avevamo invitato l’assessora Linda Meleo e tutti i presidenti dei municipi” spiegano gli attivisti di CittadinanzAttiva Lazio, in occasione della Conferenza stampa di lancio dell’operazione Zebra. In sala però è presente solo l’assessore alla Mobilità Michele Centorrino, in rappresentanza del Municipio VIII. “ Siamo consapevoli delle necessità che caratterizzano anche il nostro territorio, in tema di sicurezza stradale - riconosce l'assessore che aggiunge - Ci era stata prospettata anche la possibilità di fare degli attraversamenti rialzati e se ci fosse stata Meleo avrei chiesto volentieri degli aggiornamenti sul tema” .Seppure in assenza di referenti del Campidoglio, CittadinanzAttiva ha comunque elencato quelle che sono le iniziativa da mettere in campo.

La necessità d'invertira la rotta

“Non è stato fatto un censimento delle situazioni di criticità – è stato chiarito  dagli attivisti della Onlus – solo a Dragona il locale comitato di quartiere ha provveduto, autonomamente, a farlo”. Ma il senso della Campagna Operazione Zebra consiste anche in quello. Da una parte si punta sulla sensibilizzazione delle istituzioni perché, ha ricordato Elio Rosati, segretario regionale della onlus, “chiediamo un impegno chiaro all’amministrazione cittadina: occorre invertire una tendenza che dura daanni, mettendo il pedone e la mobilità sostenibile al centro delle politiche”. D’altra parte  si mira a far partecipare anche i cittadini, attraverso le segnalazioni degli attraversamenti più critici, ma anche apponendo sui parabrezza degli automobilisti indiscipliati la paletta cartacea dell’Operazione Zebra, su cui è riportato lo slogan “Rispetta le strisce, rispetta i pedoni”.

Come migliorare la sicurezza stradale

Sul piano della proposta CittadinanzAttiva, come esemplificato da Alessandro Cossu e Massimiliano Di Giorgio, ha suggerito all’amministrazione di puntare su varie soluzioni. “Bisogna aumentare il numero degli attraversamenti pedonali e ripristinare quelli esistenti”. Al tempo stesso sarebbe preferibile investire “su quelli protetti, possibilmente rialzati e comunque visibili e segnalati sia di giorno che di notte”. Tra le altre iniziative da promuovere, per favorire la mobilità sostenibile e la sicurezza dei pedoni, viene citata la creazione di ciclabili “che non sottraggano spazio ai pedoni, ma alle automobili, al fine di incentivare un trasporto sostenibile”. Tra le proposte anche quella di realizzare delle pedane rialzate nelle fermate dell’autobus, come pionieristicamente era stato fatto in via Gallia, a pochi passi dal luogo dove, CittadinanzAttiva, ha organizzato la conferenza stampa.

Gli attraversamenti e le passerelle

Le buone pratiche, restando nel territorio del Municipio VII, non mancano. In via Tuscolana, l'ente di prossimità, ha realizzato degli attraversamenti pedonali luminosi all'altezza della stazione di Anagnina. Anche  via dell'Amba Aradam, subito dopo Porta Metronia è stato installato un attraversamento luminoso a led. E' stato destato, nel luglio del 2018, dalla stessa sindaca Raggi. Iniziative come quelle, per essere efficaci, hanno bisogno di essere messe a sistema. Per dirla con CittadinanzAttiva, devono essere messo al centro delle politiche. Diversamente si corre il rischio che, l'attraversamento pedonale di nuova generazione, luminoso o rialzato che sia, si trasformi solo in una passarella. E questo non aiuta a diminuire il numero di pedoni che, ogni anno, vengono investiti nella Capitale.

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

Torna su
RomaToday è in caricamento