VIDEO | Manda il figlio dai nonni in Romania e perde l'assistenza alloggiativa: ora Gina è sotto sgombero

L'assurda storia di Gina e della sua famiglia, sotto sgombero dal residence in cui vive dal 2010 solo per no aver comunicato al dipartimento Politiche abitative che il figlio di 10 anni sarebbe rimasto dai nonni per un mese durante l'estate

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Si può rischiare di rimanere per strada solo per aver mandato il figlio per le vacanze estive dai nonni? Nei residence per l'emergenza abitativa gestiti dal Comune di Roma sì. Sta accadendo a Gina e alla sua famiglia che comprende il marito e i due figli di 12 e di 10 anni, "11 il mese prossimo". Il residence è quello di via Tovaglieri a Tor Tre Teste. Alla fine del giugno scorso Gina e suo marito decidono di mandare il figlio dai nonni in Romania. Il motivo è simile a quello che, finita la scuola, spinge centinaia di famiglie a fare lo stesso: i genitori sono al lavoro e i figli più piccoli non possono stare a casa da soli.

Leggi tutta la storia 

Il regolamento di permanenza in queste strutture prevede però che gli inquilini si possono allontanare solo dopo averlo comunicato al dipartimento Politiche Abitative. "Pensavo valesse per tutta la famiglia non per un bambino di dieci anni" la difesa. "Noi non ci siamo mai mossi da qui". E' a causa di questo banale gesto di vita quotidiana che oggi Gina e la sua famiglia vivono l'incubo dello sgombero. Il Comune, da quel giorno d'estate, ha iniziato il conteggio dei 'danni': 57,69 euro per ogni giorno di permanenza "non dovuta". Romatoday, il 9 agosto scorso ha raccontato questa storia.

Una storia che in questi mesi ha continuato ad aggravarsi: l'ultima comunicazione da parte del dipartimento Politiche Abitative è del 23 ottobre scorso e comunica a Gina e alla sua famiglia che, nonostante il loro reddito sia molto più basso di quei 12 mila euro di Isee annui fissati come tetto massimo da non oltrepassare per accedere al servizio dei Sassat, non hanno più diritto nemmeno al nuovo servizio di assistenza. E nessuno risponde alla domanda che da oltre tre mesi Gina, suo marito e i suoi due bambini si fanno tutti i giorni: se usciamo da qui, dove andiamo?

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Giorgio, Antonello e Michele, siete dei piccoli uomini piccoli.

    • Piccoli sarebbe un eufemismo

  • basta , neanche fanno commentare cosa dobbiamo dire? solo "poverini"

  • poverina diamogli subito una casa ne hanno il diritto!

  • Classico servizio strappa lacrime .... basta solo gli italiani non fanno piu pena a nessuno?

  • sempre questi servizi con la musica commovente ma porca miseria , ma gli italiani ma quando vengono aiutati quelli ormai non fanno più notizia? non fanno uscire le lacrime...ma che giornalismo è questo!

  • In Romania, per esempio.

  • Esatto!!

  • .... Dai nonni

Potrebbe Interessarti

  • Politica

    VIDEO | La Capitale è pronta ad avere un sindaco leghista? La risposta dei romani

  • Cronaca

    VIDEO | Casal Bruciato dice no ai rom, in strada per dare casa a Noemi: “Non ho fatto domanda, ma ho più diritto di loro”

  • Attualità

    Occupante a sua insaputa. La storia di Monica sfrattata da Testaccio: "Non ho neanche l'auto per dormirci dentro"

  • Cronaca

    Casamonica, così chiedevano denaro alle vittime. Le intercettazioni telefoniche

Torna su
RomaToday è in caricamento