Rimozioni, Meleo: "Servizio ad Atac". Incerti i tempi e il futuro dei lavoratori

L'assessora dice di avere le mani legate per via del decreto Madia. Il richiamo alla norma è errato e il Pd va all'attacco: "Il richiamo alla legge Madia ancora una volta non c'entra nulla con la tutela del lavoro"

L'annuncio c'era già stato. Ieri l'ulteriore conferma: il servizio rimozioni, fermo a Roma da novembre 2015 per l'annullamento dell'appalto al consorzio Clt, sarà affidato ad Atac. A ribadirlo ieri in commissione trasparenza è stata l'assessora alla mobilità Linda Meleo. Un annuncio a cui si è affiancata molta incertezza sia per quanto riguarda i dettagli dell'operazione (tempi e costi), sia per quel che riguarda il futuro dei lavoratori, appiedati da un anno e mezzo. 

Meleo ha spiegato che "il servizio rimozione auto sarà internalizzato in Atac. Ci sarà un'acquisizione di bloccaruote e di 30 mezzi, tra cui ovviamente i carri, il tutto con alcuni bandi per l'acquisto che usciranno subito e che dureranno alcuni mesi. I tempi finali per il passaggio in Atac sono quindi dovuti alla burocrazia. Prima dell'estate? Non credo sia possibile". 

Un passaggio ad Atac che avrà un costo: "L'investimento - ha aggiunto infatti Meleo - sarà di due milioni contro i quattro che avremmo dovuto usare se avessimo scelto la via del mercato". E sul futuro dei lavoratori spiega di "avere le mani legate. E comunque assunzioni a tempo indeterminato non le possiamo fare fino al 2018 per il decreto Madia". Un richiamo alla norma del ministro della Pubblica Amministrazione improprio come quello di Multiservizi. 

E il Pd non manca di farlo notare. Il presidente della commissione Trasparenza, Marco Palumbo, spiega: "Il richiamo alla legge Madia ancora una volta non c'entra nulla con la tutela del lavoro. Nonostante le promesse fatte nel febbraio scorso dal Presidente della commissione mobilita' Enrico Stefano oggi l'assessore Meleo sembra fare marcia indietro sul reintegro e l'occupazione del personale del Consorzio Laziale Traffico che rendeva un servizio a costo zero per l'amministrazione capitolina fornendo sia i carroattrezzi che i blocca ruote".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Duro anche Rocco Lamparelli, responsabile Pd del Settore Trasporto Merci: "E' nostra intenzione insistere affinchè l'Amministrazione non proceda verso una direzione che aggrava palesemente la situazione, già difficile, delle casse capitoline prevedendo un investimento di 2 milioni di euro, pagati dai cittadini, per un servizio gestito, fino al 2015, a costo zero per l'Amministrazione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma oggi tre nuovi contagi, sono 862 i casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Fiumicino positivo dipendente di un ristorante. Il sindaco: "Tampone e isolamento per i clienti"

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

Torna su
RomaToday è in caricamento