"A Roma aumentano gli incivili, filmateli e segnalateli": il M5s lancia la guerra agli zozzoni

L'indirizzo mail dei pics e l'invito a segnalare "gli incivili" che smaltiscono illegalmente rifiuti

Immagine da video di un

Gli ultimi in ordine di tempo sono due commercianti di fritti, beccati in flagrante mentre si liberavano dell'olio usato per cuocere crocchette e supplì dentro un tombino, con la complicità di operatori Ama poi sospesi dal servizio. "Un fatto grave se si considera che un litro di olio saturo inquina 10mila litri di acqua potabile" scrive la sindaca Raggi, che non manca di ringraziare "tutti i cittadini che ci continuano a segnalare con foto o video questi incivili". Perché "chi deturpa e inquina l’ambiente deve essere punito". E la lista di "zozzoni", segnalati puntualmente dalla sindaca sui social, è lunga. 

La guerra agli incivili fa parte a pieno della narrazione grillina al capitolo ambiente e rifiuti. Roma è sporca e le criticità legate alla gestione del ciclo della raccolta sono tristemente note. Ma una parte di colpa, puntano il dito i Cinque Stelle, è dei cittadini che non fanno il loro dovere gettando rifiuti speciali e/o pericolosi per strada, vicino ai secchioni, sui marciapiedi. Per fortuna che c'è chi li coglie in fallo, la parte "buona" di romani che li immortala con il telefonino. E allora adesso c'è pure un indirizzo dedicato e una procedura da seguire per incastrare i furbi. Consiglieri Cinque Stelle, presidenti di municipio e comitati di quartiere la stanno condividendo sui social in queste ore. Una vera e propria "chiamata alle armi". 

ATTENZIONE: visto il numero crescente di incivili che abitano in questa città si comunica che il comune di Roma ha istituito la seguente email: "picsambiente.polizialocale@comune.roma.it" dove inviare filmati e fotografie di tutti coloro che, senza alcun timore ne vergogna, abbandonano rifiuti in mezzo alla strada e nelle vicinanze delle campane vetro.

Non c'è bisogno di scendere dalla macchina e litigare basta filmare, riprendere il numero di targa e spedire il tutto utilizzando l’email sopra citata. Per questi soggetti è prevista una multa salatissima, una denuncia penale e il sequestro del mezzo se trattasi di ditta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

  • Ecco il Salario Center: a Roma nord un nuovo centro commerciale

Torna su
RomaToday è in caricamento