L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"

La denuncia arriva dal Coordinamento antifascista del VII municipio: "La situazione si aggrava"

La situazione dei locali dell’Ater di via Taranto 57 occupati da un gruppo di militanti di Forza Nuova ormai quasi tre anni fa “si aggrava”. Nello spazio gestito dall’organizzazione di estrema destra “sono in corso i lavori per aprire lo Skull pub”. L’allarme arriva dal Coordinamento antifascista del VII municipio, formato da una lunga serie di realtà territoriali dall’Anpi alla Cgil passando per i partiti di sinistra, associazioni e comitati cittadini. “I ragazzi che frequentano il locale indossano magliette con la scritta “Cova la rabbia” frase di una canzone che definisce i partigiani assassini”, raccontano. “Quali autorizzazioni per i lavori? Quali per le somministrazioni di alimenti e bevande?”.

Per il Coordinamento, in un quartiere che spesso si riempie di svastiche sui muri “con la gente che ha paura a passare lì davanti”, la situazione “richiede, come sollecitato oramai da oltre due anni, lo sgombero immediato dei locali abusivi”. Da qui la richiesta: “Occorre subito l’intervento di controllo della Polizia Locale, della Prefettura, della ASL, dell’Ater in primo luogo. Il Municipio VII e il Comune di Roma devono farsi carico di questo problema non rinviabile”.

Poi aggiungono, sempre in relazione al VII municipio: “Altresì intollerabile è che il luogo dell’omicidio di un pluripregiudicato fascista a Via Lemonia divenga “luogo di culto” con continui atti intimidatori verso i passanti.  Chiediamo fermamente di mettere fine a questo abuso di spazi pubblici. È ora di agire. Il Coordinamento richiama fermamente il VII Municipio a convocare il Tavolo permanente promesso nei mesi scorsi con l’approvazione della mozione sulla applicazione dei valori costituzionali”, concludono rinnovando “la propria solidarietà alle lavoratrici e lavoratori di Roma Metropolitane sindacalisti e politici colpiti il 1° ottobre a Via Tuscolana dalla violenta azione repressiva e con Lucha y Siesta per la difesa della Casa delle Donne”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

Torna su
RomaToday è in caricamento