Sciopero Wind Tre, i lavoratori dicono 'No' al trasferimento a Milano: "Adesione al 90%"

La protesta dei dipendenti del comparto finanza e controllo di Wind Tre sotto al MISE: "No alla follia dei trasferimenti, si apra a confronto"

"Vogliamo lavorare qui a Roma" - è questo lo slogan scandito a gran voce dai lavoratori di Wind Tre sotto al Ministero dello Sviluppo Economico dove si sono ritrovati in occasione del primo dei due scioperi previsti in questo mese. 

Da Roma a Milano: scioperano i lavoratori Wind Tre

Una giornata di mobilitazione che ha coinvolto i dipendenti del comparto Finzanza e Controllo destinati, secondo i piani dell'azienda, ad essere trasferiti a Milano

Una prospettiva che agita i circa 200 lavoratori che potrebbero essere colpiti dal provvedimento: "Questi sono trasferimenti forzosi, ci hanno messo spalle al muro" - hanno denunciato chiedendo all'azienda valide alternative. 

"Esistono smartworking e telelavoro, costringere i dipendenti a lasciare la loro città e la loro sede originaria non ha senso e per un'azienda come la nostra, leader nelle telecomunicazioni, rappresenta un vero e proprio paradosso". 

Wind Tre guarda a Milano: così a Roma oltre 100 lavoratori rischiano il "licenziamento mascherato"

Sciopero Wind Tre: "Adesione al 90%"

Così l'adesione allo sciopero in Wind Tre dei lavoratori del reparto finance è stato pressoché totale: "Circa il 90%" - ha fatto sapere a RomaToday, Riccardo Saccone segretario nazionale di Slc Cgil. "Ora davvero l'azienda smetta con questa follia dei trasferimenti ed apra un confronto serio su tutto il perimetro aziendale". 

Il trasferimento da Roma a Milano solo per volontari e la riprofessionalizzazione di quanti sceglieranno di rimanere nella Capitale quanto auspicato da dipendenti e sindacati.  

In Wind Tre sciopero l'11 aprile

E in Wind Tre, dove sono previste anche le esternalizzazioni dei data center, sarà sciopero anche l'11 aprile: questa volta ad incrociare le braccia saranno i lavoratori dell'intera azienda. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Cgil: "Serve piano industriale serio"

"Il problema non è soltanto  dei possibili trasferimenti o dei lavoratori dei data center aziendali. Il problema - ha prposeguito il sindacalista - è un'azienda che non ha un piano industriale chiaro, che sembra più interessata a fare operazioni finanziarie piuttosto che a consolidare i propri asset industriali. Noi questo non lo accettiamo e non lo faremo passare sottosilenzio. Rifletta bene il management aziendale prima di inerpicarsi ulteriormente su strade che - ha concluso Saccone - non portano nulla di buono per l'azienda e per i lavoratori". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Tragedia a Roma: trovato nella sua auto il corpo senza vita di Rocco Panetta

Torna su
RomaToday è in caricamento