Sgomberi, Raggi frena Salvini: "Linea soft per evitare guerra civile"

Il vicepremier: "La maggioranza degli occupanti non sono bisognosi, ma furbi o violenti". La sindaca: "Abbiamo iniziato con le situazioni più urgenti"

Una linea dura che Roma non può permettersi. Una circolare fatta ad arte per sbloccare lo stallo sulle occupazioni romane. Un documento che impone durezza - anche troppa - e che, paradossalmente, può trasformarsi in un boomerang per la sindaca Raggi. Ecco perché la prima cittadina, spalleggiata anche dalla Regione Lazio, da ieri racconta una linea soft, partendo dalle urgenze, allontanando il "fuori tutti" che la circolare del Viminale suggerirebbe. 

Ieri a Radio Radio la prima cittadina è stata chiara: "A Roma abbiamo circa 90 immobili occupati, sia privati che pubblici. Si stima che dentro ci siano circa 10.000 persone. Parallelamente a questo abbiamo 12.000 persone in lista di attesa. Ci dobbiamo muovere in maniera molto soft per cercare di evitare una guerra civile. Se buttiamo fuori dalle 90 case tutti gli occupanti diventa un problema di ordine pubblico". Quindi niente sgomberi? Non è detto. Raggi prova a rimandare la palla al Viminale: "Sugli sgomberi non decide Roma ma il ministero dell'Interno e la Prefettura a cui va prestata assistenza con i censimenti e con la Polizia locale. Il Comune deve prendersi in carico le persone fragili". E qui arriva l'ammissione di una mancanza, l'incapacità di assistere e farsi carico dei potenziali sgomberati: "Roma ha la capacità di farsi carico di 10.000 persone? No, quindi abbiamo iniziato con le situazioni più urgenti". 

E Salvini, che ne pensa? Nello specifico non commenta le dichiarazioni della sindaca. Le parole pronunciate a Radio Anch'io però appaiono diametralmente opposte: "La maggioranza degli occupanti non sono bisognosi, ma furbi o violenti e sono irrispettosi di chi è in fila da anni in attesa di una casa popolare". Quindi il leader leghista ha poi aggiunto: "Siccome la proprietà privata è un diritto non si capisce perché all'occupante abusivo il sindaco prima di buttarlo fuori debba garantire un'altra casa". In particolare quest'ultima frase sembra una bordata a Comune e Regione che insieme stanno lavorando alle alternative, compresi gli alloggi. 

Fabio Rampelli deputato di Fratelli d'Italia, sottolinea le due linee diverse tra Roma e Milano: "A Roma si tentenna, si cincischia in nome di un assistenzialismo d'accatto che 5 Stelle e sinistra chiamano ormai 'terza via' che prevede di riallocare gli abusivi. La sindaca di Roma con la complicità dello scomparso fratello di Montalbano, tergiversano anzichè ripristinare nei palazzi pubblici e privati la legalità. La linea morbida perseguita dalla sinistra e oggi confermata dalla Raggi, con il danno erariale accumulato e rilevato dalla Corte dei Conti, ha portato ben 10 mila persone a occupare circa 100 immobili, c'è quindi poco da far filosofia perchè chiunque oggi sa che può impossessarsi di un locale senza essere sgomberato. La circolare del Ministro degli interni sia applicata omogeneamente in tutta Italia, i romani hanno gli stessi diritti dei milanesi".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • le case da assegnare, che poi bisogna valutare tante situazioni, dovrebbero essere assegnate a quei cittadini che nel suo corrispettivo da un qualcosa al comune... sia in termine monetario di piccola quota di affitto,luce,gas e telefono ma più che altro deve essere disposta a fare attività di lavoro socialmente utili. Fino ad oggi esistevano ed esistono ancora famiglie che occupano ingiustamente un abitazione superando certi parametri che consentirebbero loro di vivere tranquillamente fuori case del comune. Case sfruttate anche per via dello spaccio e della prostituzione... e quindi dal guadagno facile! La Raggi, come dovevano fare anche i sindaci passati, devono colpire queste persone e stabilire la giusta legalità...possibilmente senza Taser!

  • Appartamenti occupati da chi si autodichiara meritevole di occuparlo, edifici occupati da casapound e centri sociali perché hanno deciso di averne diritto. E se invece si ristabilisse l'ordine legale delle cose assegnando gli appartamenti ai legittimi assegnatari? E se cacciassero gli occupanti casapound e centri sociali assegnando gli edifici occupati ad altre destinazioni socialmente utili?

  • Guerra civile? Siamo pazzi? C’è l’esercito se dovesse servire. Questa gente deve capire che così come è entrata alla chetichella così deve uscire in ordine ed in silenzio alla prima protesta idranti e manganello. Il tempo delle tolleranza è finito

  • Chi la farebbe sta guerra civile?!...

    • Soprattutto chi la evoca: linea comoda sempre con chi riceve fondi per occuparsi anche illegalmente di chi non ha diritto di cittadinanza o delinque pericolosamente, e rigida con il cittadino diligente.

  • farebbe qualunque cosa pur di scaricarsi dalle responsabilità

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Roma, il vento sferza la Capitale: alberi caduti e auto schiacciate. Colosseo chiude in anticipo

  • Cronaca

    Tragedia a Guidonia: crolla albero e travolge vettura, morto automobilista

  • Cronaca

    Precipita dal tetto a causa del vento e schiaccia il figlio sotto la scala, morto 14enne

  • Attualità

    Metro Repubblica chiusa, il grido disperato dei commercianti: "Stiamo morendo e il Comune non dà segni di vita"

I più letti della settimana

  • Policlinico: la scala mobile si guasta, passeggeri calpestati. Scene di panico in stazione 

  • Roma, il vento sferza la Capitale: alberi caduti e auto schiacciate. Colosseo chiude in anticipo

  • Venerdì di passione a Roma: corteo e studenti in protesta, strade chiuse e bus deviati

  • L'inseguimento, gli agenti accerchiati e i video sui social: pomeriggio di tensione a Tor Bella Monaca

  • Sfilate di carnevale, cortei e maratona: strade chiuse e bus deviati a Roma nel weekend

  • Blocco auto a Roma. Troppo smog, martedì e mercoledì stop ai veicoli più inquinanti nella fascia verde

Torna su
RomaToday è in caricamento