Sgomberi, Raggi frena Salvini: "Linea soft per evitare guerra civile"

Il vicepremier: "La maggioranza degli occupanti non sono bisognosi, ma furbi o violenti". La sindaca: "Abbiamo iniziato con le situazioni più urgenti"

Una linea dura che Roma non può permettersi. Una circolare fatta ad arte per sbloccare lo stallo sulle occupazioni romane. Un documento che impone durezza - anche troppa - e che, paradossalmente, può trasformarsi in un boomerang per la sindaca Raggi. Ecco perché la prima cittadina, spalleggiata anche dalla Regione Lazio, da ieri racconta una linea soft, partendo dalle urgenze, allontanando il "fuori tutti" che la circolare del Viminale suggerirebbe. 

Ieri a Radio Radio la prima cittadina è stata chiara: "A Roma abbiamo circa 90 immobili occupati, sia privati che pubblici. Si stima che dentro ci siano circa 10.000 persone. Parallelamente a questo abbiamo 12.000 persone in lista di attesa. Ci dobbiamo muovere in maniera molto soft per cercare di evitare una guerra civile. Se buttiamo fuori dalle 90 case tutti gli occupanti diventa un problema di ordine pubblico". Quindi niente sgomberi? Non è detto. Raggi prova a rimandare la palla al Viminale: "Sugli sgomberi non decide Roma ma il ministero dell'Interno e la Prefettura a cui va prestata assistenza con i censimenti e con la Polizia locale. Il Comune deve prendersi in carico le persone fragili". E qui arriva l'ammissione di una mancanza, l'incapacità di assistere e farsi carico dei potenziali sgomberati: "Roma ha la capacità di farsi carico di 10.000 persone? No, quindi abbiamo iniziato con le situazioni più urgenti". 

E Salvini, che ne pensa? Nello specifico non commenta le dichiarazioni della sindaca. Le parole pronunciate a Radio Anch'io però appaiono diametralmente opposte: "La maggioranza degli occupanti non sono bisognosi, ma furbi o violenti e sono irrispettosi di chi è in fila da anni in attesa di una casa popolare". Quindi il leader leghista ha poi aggiunto: "Siccome la proprietà privata è un diritto non si capisce perché all'occupante abusivo il sindaco prima di buttarlo fuori debba garantire un'altra casa". In particolare quest'ultima frase sembra una bordata a Comune e Regione che insieme stanno lavorando alle alternative, compresi gli alloggi. 

Fabio Rampelli deputato di Fratelli d'Italia, sottolinea le due linee diverse tra Roma e Milano: "A Roma si tentenna, si cincischia in nome di un assistenzialismo d'accatto che 5 Stelle e sinistra chiamano ormai 'terza via' che prevede di riallocare gli abusivi. La sindaca di Roma con la complicità dello scomparso fratello di Montalbano, tergiversano anzichè ripristinare nei palazzi pubblici e privati la legalità. La linea morbida perseguita dalla sinistra e oggi confermata dalla Raggi, con il danno erariale accumulato e rilevato dalla Corte dei Conti, ha portato ben 10 mila persone a occupare circa 100 immobili, c'è quindi poco da far filosofia perchè chiunque oggi sa che può impossessarsi di un locale senza essere sgomberato. La circolare del Ministro degli interni sia applicata omogeneamente in tutta Italia, i romani hanno gli stessi diritti dei milanesi".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

Torna su
RomaToday è in caricamento