Salario accessorio, il Campidoglio: "Quota B a novembre, basta falsità"

Il delegato della sindaca al Personale, Antonio De Santis: "Oggi è arrivato anche il parere positivo dell'Oref". I sindacati confermano e rilanciano: "Ora apertura del tavolo di confronto sul nuovo contratto decentrato"

La cosiddetta 'quota B' del salario accessorio del 2015 sarà nelle buste paga dei dipendenti capitolini. Nessun passo indietro. Parola di Campidoglio. Una precisazione che si è resa necessaria dopo che la pubblicazione della notizia di un blocco del pagamento ha sollevato un vero e proprio caso politico-mediatico. E un certo allarme tra i dipendenti capitolini.  "Il salario accessorio verrà pagato ai dipendenti capitolini a fine
novembre, come ha annunciato la sindaca Virginia Raggi venerdì scorso.
Oggi come previsto è arrivato anche il parere positivo dell'Oref, l'Organismo di revisione finanziaria del Campidoglio che già si era espresso favorevolmente prima della relativa delibera approvata dalla Giunta Capitolina. Non c'era alcun dubbio, perché sappiamo di aver svolto un lavoro importante nel pieno rispetto della legalità contabile e amministrativa" le parole del delegato della sindaca al Personale, Antonio De Santis.

"Sconcerta però, ancora una volta, l'opera di disinformazione. In questo caso - continua De Santis - l'elemento più grave è che le notizie infondate hanno avuto l'effetto di colpire non tanto la giunta, abituata ad attacchi pretestuosi, quanto i lavoratori. Alcuni di loro hanno infatti dato credito a quelle falsità, provando la frustrazione di pensare all'ennesima promessa non mantenuta. Ma fortunatamente molti altri, confortati dai rappresentanti sindacali che vanno ringraziati per la responsabilità e l'equilibrio dimostrati, hanno invece avuto nell'amministrazione una fiducia che era ben riposta".

Anche i sindacati hanno confermato la linea del Campidoglio: "Proprio in queste ore abbiamo avuto la conferma del pagamento della quota B della produttività destinata ai dipendenti capitolini nella busta paga del mese di novembre" scrive in una nota il Segretario della Cisl Fp Roma capitale e Rieti con delega agli Enti Locali Giancarlo Cosentino. "La notizia circolata nella giornata di ieri di possibili blocchi nel pagamento, è stato spazzata via dalla conferma che l'Organo di Revisione Economico-Finanziaria di Roma Capitale non ha posto riserve sulla possibilità di liquidare la produttività ai 23000 dipendenti capitolini, che attendono da mesi quanto a loro dovuto e previsto dall'atto unilaterale approvato dalla stessa Amministrazione. Con questo ulteriore passaggio vengono di fatto confermati gli elementi costitutivi del fondo riferito all'anno 2016, dopo la ricostituzione del fondo 2015 operata dal Commissario Tronca".

"Ora chiediamo alla Sindaca Raggi" conclude la nota "l'immediata apertura del tavolo di confronto sul nuovo contratto decentrato per arrivare nel minor tempo possibile ad una rapida approvazione condivisa con le rappresentanze sindacali, per dare il giusto slancio all'azione amministrativa e riportare quel benessere organizzativo necessario al miglioramento dei servizi della nostra città". 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente in Corso Vittorio: 22enne muore travolta da un pullman turistico

  • Cronaca

    Bimba rom ferita alla schiena: Cerasela resta in ospedale, indaga la Procura. "C'è clima d'odio"

  • Politica

    Salvini sui rom: "Quattordici rimpatri? Ne mancano alcune decine di migliaia"

  • Cronaca

    Casamonica: arrestati i figli del capo clan Giuseppe. Erano sfuggiti al blitz di Porta Furba

I più letti della settimana

  • Casamonica l'erba cattiva di Roma: estorsioni e spaccio 31 arresti. Tra le vittime anche Marco Baldini

  • Sciopero treni: 21 e 22 luglio Trenitalia e Italo a rischio

  • Strade chiuse e bus deviati a Roma sabato 14 e domenica 15 luglio

  • Mafia a Roma: la Dia disegna la mappa dei clan, ecco chi comanda nella Capitale

  • Incidente in A1: morti un bambino di 6 mesi e i due genitori

  • Operazione Gramigna: colpo al clan Casamonica, i nomi degli arrestati

Torna su
RomaToday è in caricamento