Sulla Salaria limite di velocità a 30 km/h: colpa dell'asfalto dissestato

Il provvedimento porta la firma del comandante del III gruppo Ugo Esposito ed ha validità fino al prossimo 30 giugno

"Operazione #stradenuove altro che rattoppi", così parlò la sindaca Virginia Raggi venerdì tramite il proprio profilo facebook. Nel frattempo però, in attesa di dettagli e delle gare, sulle strade di Roma è meglio rallentare. Così, dopo la Colombo, anche sulla Salaria entra in vigore una determina dirigenziale firmata dal comandante del III gruppo Nomentano Ugo Esposito. La determina prevede l'abbassamento dei limiti di velocità sulla Salaria a 30 km/h, nel tratto che va dal raccordo a via dei Prati Fiscali. 

Nella determina si legge che "dal sopralluogo efettuato dai tecnici del dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione urbana si è riscontrato che la via Salaria presenta in entrambe le direttrici di marcia, vari punti di ammaloramento della pavimentazione nei quali sono presenti ormagli e ragnatelature che rendono pericoloso il transito dei veicoli a velocità sostenuta". 

Lo stesso dipartimento, si legge sempre nella determina, spiega che "attualmente è attivo solo un appalto di pronto intervento riparativo operante su tutte le strade di Grande viabilità con il quale non è possibile eseguire un definitivo riprisino della pavimentazione stradale mediante rifacimento della superficie ammalorata". 

Il provvedimento, firma a gennaio, sarà valido fino al 30 giugno 2017. Nel tratto indicato ha fatto la propria comparsa la necessaria segnaletica e i limiti sono quindi al momento attivi. 

Scarica la Determina

determina-2

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Io percorro spesso la via Salaria ed ho notato con piacere che da Monterotondo all'incrocio col Raccordo Anulare il manto stradale è stato rifatto almeno per il 70%, poi se qualcuno vede solo il bicchiere mezzo vuoto SONO CAVOLI SUOI E DEL SUO PARTITO

  • Chi pagherà mai per tutti questi disagi e disservizi fatti subire ai cittadini?

  • Avatar anonimo di franco
    franco

    Questi sono i tempi infiniti della messa in sicurezza. Le strisce bianche e rosse sulle buche e i limiti di velocità a passo d'uomo sulle strade dissestate il tutto per coprire la responsabilità del comune. Nessun giudice impone agli enti di velocizzare i lavori stradali. Ormai siamo vittime della burocrazia del rimbalzo.

  • Avatar anonimo di Laziale61
    Laziale61

    io la salaria la faccio tutti i giorni la mattina presto e questa mattina ho provato ad andare come dice la segnaletica 30km orari c'è mancato poco che mi tamponavano per non dire chi alzava gli abbaglianti per dire ma che c...o fai sei matto comunque grazie sindaca Raggi .

  • un altro problema risolto dalla giunta miRaggi

  • Che sia la lobby delle prostitute ad imporre il limite necessario a valutare attentamente la "merce"?

    • Potrebbe essere

  • Cosi se ne lavano le mani

  • Avatar anonimo di Laziale61
    Laziale61

    ma no bisogna solo partire un giorno prima per andare e tornare a lavorare e tornare a casa solo in Italia si vedono situazioni del genere paese del terzo mondo 

  • di questo passo chiuderanno le strade, invece di fare manutenzione.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio al parco di Centocelle: vasto rogo di sterpaglie sfiora gli autodemolitori

  • Politica

    Emergenza siccità, meno acqua dal lago di Bracciano. Si attende decisione sui nasoni

  • Politica

    Colleferro, cresce la protesta contro la riapertura dell'inceneritore: "8 luglio tutti in piazza"

  • Cronaca

    Via Veneto: ramo si spezza e cade tra i tavolini di un ristorante

I più letti della settimana

  • Cassonetti ribaltati e immondizia gettata dai balconi: ai Due Leoni la rivolta dei rifiuti

  • Emergenza acqua, Raggi firma l'ordinanza anti-spreco: "Limitare l'irrigazione dei giardini"

  • Emergenza acqua, il ministro: "Chiudere i 2500 nasoni di Roma"

  • Lago di Bracciano sempre più basso: "L'ordinanza di Raggi è un insulto al territorio"

  • I rifiuti di Roma nell'inceneritore di Colleferro: M5S e Regione autorizzano la riaccensione

  • Caffarella, dopo le promesse sei mesi di silenzio: così il Comune rischia di perdere una parte del parco

Torna su
RomaToday è in caricamento