Rifiuti, topi e degrado nel Centro storico: "Togliere Roma dai siti Unesco"

E' la proposta del Codacons, che ha annunciato una formale richiesta alla sede centrale dell'Unesco a Parigi. "La Capitale non ha più le condizioni per essere considerata Patrimonio dell'umanità"

Bottiglia abbandonate sulla strada, immagine d'archivio

Roma non può più essere Patrimonio mondiale dell’umanità, e il centro storico della capitale va escluso, almeno per il momento, dalla lista dei siti individuati dall’Unesco. E' la proposta del Codacons che ha annunciato una formale richiesta alla sede centrale di Parigi dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco), affinché Roma sia depennata dall’elenco dei siti protetti. Una provocazione, per denunciarne la morsa di incuria e degrado. 

"Il centro storico di Roma, che è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale nel 1980, non né più simbolo di bellezza, storia, cultura e arte, ma rappresenta oramai solo il degrado e l’abbandono in cui versa la città – spiega il presidente Carlo Rienzi – l’invasione di rifiuti e sporcizia, la presenza di topi e volatili che banchettano tra le strade, auto e moto parcheggiate su marciapiedi e isole pedonali, giardini e aree verdi trasformati in giungle, turisti che fanno il bagno nelle fontane storiche, manichini impiccati appesi dai tifosi di fronti al Colosseo in segno di minaccia, sono solo alcuni dei problemi quotidiani di Roma che fanno venire meno i requisiti per il rilascio del riconoscimento.

Tra i criteri per l’inserimento di un sito nella lista dell’Unesco, infatti, figurano 'l’apportare una testimonianza unica o eccezionale su una tradizione culturale o della civiltà', e 'essere un esempio eminente dell'interazione umana con l'ambiente'; tutti requisiti che, allo stato attuale, vengono meno, perché l’unica testimonianza che proviene dal centro storico è quella della inciviltà e della totale mancanza di rispetto per l’ambiente".

"Per tale motivo - prosegue la nota del Codacons - ci vediamo costretti a scrivere all’Unesco, chiedendo di ritirare il riconoscimento del centro storico come area protetta, allegando una documentazione fotografica che attesta il grave degrado della capitale, ed escludere Roma dai siti Patrimonio mondiale dell’umanità. Una esclusione che dovrà essere temporanea e valere fino a che la città non sarà tornata a rispettare il proprio patrimonio artistico e culturale eliminando il grave degrado che oggi regna sovrano". 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Raggi a casa.

  • O si toglie Roma dall'Unesco o si mettono i rifiuti come Patrimonio Internazionale.

  • Se giustamente si parla di Roma allora il Codacons pensi anche ai siti UNESCO dove si MUORE giornalmente (ed anche bambini) come nelle Dolomiti per un modo di vivere la montagna sbagliato.

Notizie di oggi

  • Politica

    VIDEO | Salvini nelle ville sequestrate ai Casamonica: “Simbolo della lotta alle mafie”

  • Incidenti stradali

    Incidente sul lungotevere: perde controllo dello scooter e cade, morto 34enne

  • Politica

    Acea spa, Michaela Castelli è il nuovo presidente: sostituisce l'avvocato Lanzalone

  • Cronaca

    Esplosione alla Posta di Bravetta: banda in fuga con 140mila euro

I più letti della settimana

  • Cassia bis: si getta dal ponte e finisce su furgone in corsa, morta una donna

  • Tragedia sulla via del Mare: auto si scontra con moto e si ribalta, un morto ed tre feriti gravi

  • Mezza Maratona di Roma: 21 chilometri in notturna, sabato con strade chiuse e bus deviati

  • Ostia: Noemi Carrozza muore in incidente stradale, nuoto italiano sotto choc. Addio a stella del sincro

  • Immersione fatale per un noto chirurgo ortopedico: morto Fabio Lodispoto, operava alla Mater Dei

  • Droga ed estorsioni col metodo mafioso, così "Zio Franco" controllava la zona di Montespaccato

Torna su
RomaToday è in caricamento