La Roma Giardinetti devierà sulla Togliatti: destinazione Tor Vergata

"E' un'ipotesi sul tavolo di Atac che va valutata dal punto di vista tecnico" ha spiegato a Romatoday l'assessore alla Mobilità Improta a margine di un convegno sul Tpl romano organizzato da Faisa Conf A.I.L.

Immagine di repertorio

Nessuna dismissione per la ferrovia Roma-Giardinetti. Anzi. Per il suo futuro si pensa a una nuova vita, ammodernata, e fino a Tor Vergata. Il progetto non è nuovo ma negli ultimi mesi è approdato sul tavolo di Atac. “E' un'ipotesi che stiamo valutando dal punto di vista tecnico insieme all'azienda capitolina e a Roma Metropolitane” ha confermato a Romatoday l'assessore alla Mobilità Guido Improta presente ieri al convegno organizzato dal sindacato Faisa Conf. A.I.L. dal titolo 'Roma Capitale dei trasporti quale futuro?' organizzato presso dal Casa della Cultura a Villa De Sanctis, proprio lungo il tracciato della storica ferrovia. Al convegno, durante il quale sono stati affrontati diversi temi, dalla sicurezza per i lavoratori sui mezzi agli investimenti per il trasporto pubblico locale romano, erano presenti, oltre a Improta, il capogruppo di Centro Democratico Massimo Caprari, il presidente del V municipio Giammarco Palmieri, il segretario regionale regionale di Faisa Confail Claudio De Francesco e il vicesegretario regionale Alessandro Neri.

LA ROMA-GIARIDNETTI - Ai tanti autisti, macchinisti, amministrativi e controllori presenti nella sala stracolma l'assessore ha escluso senza alcun dubbio: “La Roma-Giardinetti non verrà smantellata” ha affermato smentendo indiscrezioni secondo cui, con l'avvio della metro C, lo storico tracciato potesse essere considerato ormai superfluo. Così la Roma-Giardinetti, “ammodernata”, potrebbe arrivare nei prossimi anni a collegare l'ospedale Policlinico di Tor Vergata e il polo universitario entrambi tagliati fuori dal sistema del 'ferro' romano, collegati solo da mezzi su gomma. “La deviazione avverrebbe all'altezza del Parco di Centocelle” ha confermato a Romatoday l'assessore. Dalla Casilina infatti il tracciato potrebbe deviare su viale Togliatti e poi girare su viale dei Romanisti. Fare previsioni sui tempi invece “è troppo presto. Il progetto c'è ma è ancora in una prima fase di valutazione”.  Altro nodo da affrontare è quello della “proprietà della ferrovia, ancora nelle mani della Regione Lazio” ha spiegato Improta ai presenti. Anche questo un tema “che stiamo affrontando”. Commenta Neri: “Dall'assessore abbiamo avuto le risposte che aspettavamo anche in relazione al trasporto su ferro e soprattutto alla Roma-Giardinetti. Il progetto di ammodernare ed efficientare la linea con nuovi mezzi apre scenari molto interessanti sia per i cittadini sia per i lavoratori impiegati nella linea”.