L'emergenza via Cupa secondo il ministero dell'Interno: "Rifugiati usati per avere l'Ittiogenico"

La risposta del Viminale a un'interrogazione parlamentare di Sinistra Italiana. Poi la replica su Fb dei volontari: "Sconcertante, rivela superficiale conoscenza della realtà dei fatti relativi a via Cupa"

Un'emergenza quasi creata ad hoc per avere l'ok delle istituzioni a occupare l'Ittiogenico. Sono parole forti quelle scritte a chiare lettere nella risposta del ministero dell'Interno a un'interrogazione sulla gestione dei migranti transitanti a Roma e a Ventimiglia presentata alla Camera da Sinistra Italiana. Si chiede conto dell'emergenza di via Cupa, dove da settimane dormono distesi a terra su materassini di fortuna centinaia di profughi eritrei, di come la Prefettura ha gestito la situazione, di come la gestirà nel prossimo futuro. La risposta è articolata, arrivata mentre la sindaca Raggi e la nuova assessora Baldassarre promettono una tendopoli alternativa a breve, e poco gradita ai volontari per le chiare illazioni velate dal burocratese. 

Prima si fa riferimento allo sgombero del 3 luglio, "urgente sia per le precarie condizioni di igiene della struttura sia per prioritarie esigenze di prevenzione generale". Poi l'appunto: "Va evidenziato che sia le modalità di arrivo degli stranieri che i contenuti emersi durante i colloqui intercorsi fra il peronale di polizia e i volontari presenti, fanno ritenere che la situazione di concentrazione di persone abbia avuto lo scopo di ottenere in via emergenziale un assenso all'utilizzo del vicino ex Stabilimento Ittiogenico di proprietà della regione Lazio"

Il ministero fa riferimento a una struttura a pochi metri dalla stazione Tiburtina, utilizzata anni fa per l'allevamento di pesci, oggi abbandonata. I volontari dell'ex Baobab l'hanno proposta come luogo dove accogliere i transitanti con una tendopoli da allestire nell'area giardino, e in mancanza di risposta per settimane l'hanno occupato per una mattina, subito allontanati dalle forze dell'ordine.

LA REPLICA - Alle frasi del Ministero, è seguita la replica del gruppo con un lungo post su Fb, che ha bollato la risposta come "a dir poco sconcertante". "Dal testo si evince una superficiale conoscenza della realtà dei fatti relativi a via Cupa e una mancanza di rispetto verso le cittadine e i cittadini che nell’ultimo anno hanno sopperito all’assenza dei servizi che dovrebbero, invece, essere garantiti dalle istituzioni preposte" si legge. 

E dallo sgombero a Ponte Mammolo del maggio 2015 (luogo che prima accoglieva i transitanti) all'assembramento davanti a Tiburtina, si ripercorre i fatti di cronaca fino allo sgombero della struttura di via Cupa nel dicembre 2015 da parte del commissario Tronca. "In quella sede, il dott. Francesco Paolo Tronca aveva espresso la necessità dell’individuazione di un obile di proprietà pubblica, situato vicino alla stazione Tiburtina, che potesse rappresentare una soluzione stabile e concreta alla cosiddetta “emergenza transitanti” a Roma". Da qui una serie di incontri con le istituzioni e la proposta dell'Ittiogenico. 

Un progetto cofirmato nel mese di aprile, "da importanti associazioni come MEDU, Intersos e Arci. La Regione Lazio, proprietaria dell’immobile, si è detta disponibile alla trasformazione dello stabile abbandonato in un centro di accoglienza per transitanti secondo un modello innovativo, che apra questo spazio anche alla cittadinanza e al quartiere con la realizzazione, tra l'altro, di un museo della migrazione e di una struttura per attività didattiche sullo stesso tema". Quindi, "l’insinuazione che le attiviste e gli attivisti di Baobab Experience abbiano speso e stiano spendendo tempo ed energie per ottenere questo spazio è offensiva e manca totalmente di rispetto a quegli stessi cittadini che il Ministero dell’Interno dovrebbe rappresentare e tutelare". 

<iframe src="https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FBaobabExperience%2Fposts%2F1044533668956718&width=500" width="500" height="287" style="border:none;overflow:hidden" scrolling="no" frameborder="0" allowTransparency="true"></iframe>

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento