Rifiuti, caos in strada dopo incendio al Tmb: aspettando le soluzioni la città si riempie di immondizia

Sacchetti sui marciapiedi e secchioni tracimanti di spazzatura. Le segnalazioni ci arrivano da tutti i quartieri di Roma

Rifiuti a Casal Bertone

Le prossime ore saranno quelle decisive per chiudere, si spera, la partita. Con l'incendio al Tmb Salario e le festività natalizie in arrivo le ordinarie criticità hanno lasciato il posto all'emergenza. Le 700 tonnellate stipate e trattate nell'impianto andato a fuoco vanno ricollocate. 

E' una corsa contro il tempo, con la cabina di regia istituzionale a lavoro senza sosta e l'attesa per la chiusura dell'accordo tra Lazio ambiente e la Rida di Aprilia, che insieme a Viterbo, Forsinone, Latina e i Tmb di Malagrotta dovrebbero colmare il vuoto, almeno nel breve periodo. Poi ci sarà da affrontare il lungo termine, che dopo i no delle varie regioni che hanno rispedito al mittente l'appello di Raggi, è ancora un punto interrogativo. 

Nel frattempo, come prevedibile, la raccolta non va. I rifiuti restano nei secchioni, nella migliore delle ipotesi, o sui marciapiedi. Montagne di sacchetti che arrivano a ostacolare il passaggio dei pedoni, o dei mezzi pubblici quando finiscono addirittura sulla carreggiata. "Questa è la situazione in via delle Spighe all'Alessandrino, qui passa il bus 450 ed è costretto a passare sopra l'immondizia trascinandola ovunque" ci scrive Luigi, uno dei tanti lettori che hanno inviato alla mail di redazione foto di strade sporche e invase dalla spazzatura (vedi gallery in basso). 

E' così a Centocelle, a Labaro, a Portuense, a Pietralata. E ancora a Garbatella, a San Paolo, a Monteverde, sulla Cassia. Nessun quartiere è esente. E il Comune fa i salti mortali per ripulire la Capitale almeno in tempo per la settimana di Natale. Una batosta che certo non giova all'immagine della città, tanto meno a quella di chi l'amministra. Senza contare l'ipotesi aumento della Tari, la tassa sui rifiuti, destinata con ogni probabilità a una correzione a rialzo date le spese ingenti, e non preventivate, per il trasporto dell'immondizia fuori città. Quasi scontato specificarlo: il mix di immondizia per strada e più tasse in bolletta è davvero tosto da digerire. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento