Bilancio Ama, è scontro con il Campidoglio: "Azienda segua indirizzi dell'amministrazione"

Raggi: "I bilanci devono essere corretti". Ma smentisce l'ipotesi concordato per l'azienda

L'ad Ama Lorenzo Bagnacani e la sindaca Virginia Raggi (foto Ansa)

"L'Ama non è a rischio né lo sono i suoi lavoratori. L'azienda non fallirà, né si procederà al concordato". Lo scrive il capogruppo M5s in Campidoglio Giuliano Pacetti sulla sua bacheca Facebook. E' la linea ufficiale della maggioranza per mettere a tacere le ipotesi di un crac finanziario dell'azienda dei rifiuti di Roma, a seguito della bocciatura del bilancio 2017 da parte di Roma Capitale. 

Ieri l'incontro con i sindacati di categoria, Fp cgil, Cisl e Fiadel che hanno annunciato la mobilitazione in difesa dei posti di lavoro, degli stipendi, del piano assunzionale promesso. Agenzie di stampa escono riportando dichiarazioni che Virginia Raggi avrebbe pronunciato al tavolo di confronto: "O l'azienda segue la linea o portiamo i libri in Tribunale". Un concordato preventivo modello Atac anche per Ama?

La sindaca si affretta a smentire quanto diffuso: "Ho semplicemente affermato che i bilanci devono essere corretti e che come tali vanno approvati". Poi ancora: "Ama non rischia il fallimento. Rassicuro lavoratori e dipendenti: l'azienda municipalizzata è solida e non c'è alcun problema nei pagamenti. Detto ciò mi preme fare chiarezza per smentire altre fake news: non ci saranno licenziamenti mentre sull'ipotesi circolata di un concordato preventivo, come fatto in Atac, non ci sono assolutamente i presupposti nè la volontà politica in tal senso". 

E Pacetti lo ribadisce a mezzo social: "Ama deve seguire gli indirizzi trasmessi dall'Amministrazione sul bilancio. La strada intrapresa è molto chiara: approvazione del bilancio, piano industriale, contratto di servizio e sblocco delle assunzioni". Insomma, bando agli allarmismi, sono "inutili", scrive il consigliere "come sono inutili i rimpalli di responsabilità del consiglio di amministrazione. Si lavora tutti insieme per il bene della città, come sempre".

Rassicurazioni che però non bastano a occultare lo scontro in atto tra i vertici di Comune e Ama. Il presidente e ad Lorenzo Bagnacani, nominato dal M5s, ha già detto di non essere intenzionato a lasciare la poltrona. E Raggi non lo rimuove (per ora), ma lo sfiducia nei fatti, con un diktat politico che non lascia margini di autonomia al Cda: il bilancio va approvato così come lo vuole il Campidoglio, "corretto", e senza il famoso credito da 18 milioni di euro di servizi cimiteriali che Ama ha iscritto verso il Comune e che il Comune da mesi non vuole riconoscere. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • ma di che vi meravigliate,perché esiste un amministrazione? vi siete dimenticati che i conti li fa lemmetti venuto da Livorno e che ha fatto portare i libri in tribunale ad Atac, perché Ama è differente...È lasciateli lavorare so o solo 32 mesi che sgovernano

  • Meglio fare fallire AMA che rischiare di fare fallire Roma?...

  • Avatar anonimo di felice di berardino
    felice di berardino

    PACETTI...... un buon amministratore non deve fare il bilancio in base a come lo vuole il socio,..... ma va fatto in base ai numeri contabili....

  • Penso che la Raggi sceglie amministratori delle partecipate,ed assessori , quando li nomina evidenzia l'alta professionalità e capacità, tanto che non riesce a trovarli a Roma, poi li allontana sbattendogli la porta in faccia. In questo caso l'AD di AMA preso da Reggio Emilia, . Esperienza c/o una Multiservizi di Torino...Torino sarà grande come il II municipio?Beh è inevitabile il fallimento. Cara Sindaca, Roma è Roma, devi pensare a minimo 15 città in una, non è facile per nessuno, ma non possiamo andare avanti con i tentativi....risultato Roma non è stata mai così lercia...Ma non ci sono in AMA persone capaci di migliorare stò schifo...credo di si "Meno arroganza è più partecipazione, ma quella vera" i palazzi di vetro non utilizzateli per i DASPO!!! U M I L T A' E C O I N V O L G I M E N T O

  • Ma quando il Comune five stars ha approvato il bilancio 2016 di AMA, dov'erano questi 18 milioni? non erano già indicati anche allora? qui parlano di servizi cimiteriali di dieci anni fa, sembra che rinneghino quello che loro stessi hanno già approvato l'anno precedente, mah...

    • Avatar anonimo di felice di berardino
      felice di berardino

      Esatto, oltretutto un consigliere del collegio dei revisori in carica da 10 anni, lo ha sempre approvato

  • Dunque, AMA è una società per azioni, il cui capitale appartiene all'unico socio, il Comune di Roma. Il Comune di Roma litiga con la gestione AMA, perché la gestione AMA vuole 18 milioni dal Comune, che però non vuole darglieli, ed ha il potere di revocare le deleghe all'amministratore delegato. Voi avete un concetto molto contorto di economia di mercato, i soviet vi fanno un vero baffo. Poi uno dice che vuole l'autonomia regionale.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Via Collatina vecchia il giorno dopo l'incendio brucia ancora. Della Casa: "Atto criminale, pene severe"

  • Cronaca

    Incendio via Collatina vecchia, a febbraio lo sgombero poi l'area è finita abbandonata senza bonifica

  • Politica

    Via Collatina vecchia e l'abbandono prima dell'incendio: chiesti chiarimenti ad Ama per la mancata bonifica

  • Politica

    Salva-Roma, Lemmetti: "Senza interventi in parlamento, il bilancio rischia il crollo"

I più letti della settimana

  • È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Perde controllo dell'auto e si ribalta in una cunetta, tre feriti. Due sono gravi

  • 25 aprile a Roma: strade chiuse e bus deviati per il giorno della Liberazione

  • Marco Vannini, l'omicidio del giovane di Ladispoli in uno speciale de Le Iene. On line c'è chi rimorchia con la sua foto

  • Miracolo al binario 14: infarto dopo corsa per prendere il treno, 33enne salvato a Termini

  • Valmontone: scontro auto-moto, due feriti. Una è la moglie di Cerci

Torna su
RomaToday è in caricamento