Dimissioni Marino, Renzi: "Si era rotto il rapporto con i romani"

Il premier a Che tempo che fa commenta il caos Roma. E allontana l'ipotesi di nomi calati dall'alto per correre alle elezioni: "Saranno i romani a scegliere, siamo il partito delle primarie"

Foto Infophoto

Non lo sceglierà motu proprio. Il sindaco di Roma "lo scelgono i romani". Il premier rompe il silenzio sul caos Roma e su Marino dimissionario a Che tempo fa. E dopo che in molti davano quasi per scontato una nomina di fiducia bypassando le primarie, del resto in linea con la rottamazione di Roma, Renzi sgombera il campo da ipotesi di interventi dall'alto: nessuno imporrà il nome del prossimo candidato sindaco.

"Se siamo il partito delle primarie i romani lo scelgano" commenta alla telecamere. Nella ridda di voci e indiscrezioni stampa che si rincorrono da ore, "se c'è una cosa sicura è che non posso essere io a scegliere il sindaco". 

Quanto alle dinamiche che hanno innescato la crisi, l'inquilino di palazzo Chigi non si espone. "Non so se si è rotto qualcosa tra il Pd e Marino. Lui vinse le primarie un po' a sorpresa, le vinse contro una bella parte del Pd romano. Forse più che con il Pd si è rotto il rapporto tra l'amministrazione e la città".

E guardando al futuro prossimo, a proposito dell'identità del commissario che dovrà prendere le redini della Capitale, il capo del governo si esprime positivamente sul magistrato e assessore uscente Alfonso Sabella, unico ad aver confermato la disponibilità all'incarico: "Un ottimo nome, è un magistrato e ha fatto un grosso lavoro sulla legalità. Il nome del commissario lo deciderà il prefetto di Roma. Io però mi auguro che nei prossimi mesi chiunque possa dia una mano, prima di discussioni tra correnti viene Roma". 

Già, una mano specie in arrivo dell'Anno Santo. Mancano meno di due mesi, e la corsa è soprattutto sul fronte trasporti, dove ancora si attende di poter utilizzare i 30 milioni di euro messi a disposizione con l'allentamento del patto di Stabilità. Ma il premier assicura: "Faremo tutto quello che è possibile per far si che tutto funzioni". 

DIMISSIONI---->TRA I DEM E' GIA' TOTONOMI


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento