Ippodromo Capannelle, tempi stretti per il nuovo bando: intanto il Campidoglio incontra il vecchio concessionario

Nel frattempo slitta l'approvazione del regolamento sugli impianti sportivi

Il 15 maggio segna uno spartiacque nella storia dell'impianto sportivo comunale più grande della Capitale. E' quella la data in cui l'attuale concessionario dell'ippodromo di Capannelle, la HippoGroup, dovrà restituire le chiavi al Campidoglio. Termina così una gestione ultradecennale resa possibile attraverso il ricorso alle continue proroghe. Una scelta che però, nel caso specifico, l'amministrazione pentastellata non sembra più intenzionata a percorrere.

Il Campidoglio incontra il concessionario

"La direzione Sport ha verificato che non ci sono i presupposti per la proroga" ha recentemente rimarcato Daniele Frongia, aggiungendo che "le regole sono uguali per tutti". E d'altra parte, come sottolineato sempre dall'assessore capitolino allo Sport "la Hippogroup, quando ha presentato ricorso al TAR, non ha chiesto la sospensiva". Dunque si va avanti per la strada tracciata dal Campidoglio. Con queste premesse, il Campidoglio incontrerà la HippoGroup. Il 14 marzo l'attuale concessionario dell'ippodromo di Capannelle è stato infatti invitato in Campidoglio. "Esporremo le nostre ragioni – ha spiegato ad Agipronews Elio Pautasso, direttore generale di HippoGroup e ascolteremo cosa hanno da dirci". Sul piatto c'è anche il destino dei lavoratori dell'ippodromo, il cui destino per l'amministrazione è da considerarsi una priorità.

Il nuovo regolamento sugli impianti sportivi

La partita sul futuro di Capannelle, scartata l'ipotesi della proroga, implica la stesura di un nuovo bando. Per garantire la prosecuzione delle attività sportive e, in estate, di quelle legate ai concerti ed agli spettacoli dal vivo, occorre agire in fretta. Bisogna prima approvare il regolamento sugli impianti capitolini. E' già stato annunciato come fosse una cosa fatta a metà febbraio. Per il presidente della Commissione sport la sua approvazione era imminente, addirittura era prevista per "il prossimo consiglio comunale". Da allora sono passate tre settimane.

Da tre settimane senza assemblea capitolina

"E' sempre al primo punto dell'ordine del giorno - spiega il presidente dalla commissione sport Angelo Diario - sembra incredibile, ma purtroppo da allora non è stato possibile più convocare un'assemblea capitolina. Prima per l'emergenza neve poi, su richiesta della minoranza, per le elezioni. Speriamo sia possibile calendarizzare un incontro la settimana prossima". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Abbiamo impiccato Greta Thunberg a Roma", la rivendicazione su facebook

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento