Regione, il Consiglio approva la 'spending review': ecco cosa cambia

Il via libera al provvedimento è arrivato alle due di notte. Tra le misure di semplificazione e razionalizzazione, esenzioni Irpef e un fondo con 90 milioni di euro per i comuni del Lazio

È arrivata nella notte, intorno alle 2, e dopo più di una settimana di lavori in Aula alla Pisana, l'approvazione della legge 147 del 24 marzo 2014, concernente 'Misure finalizzate al miglioramento della funzionalità della Regione Lazio: disposizioni di razionalizzazione e di semplificazione dell'ordinamento regionale, nonché interventi per lo sviluppo e la competitività dei territori e a sostegno delle famiglie', meglio nota come spending review regionale.

LE NOVITA' - La legge, approvata a maggioranza (26 favorevoli e 18 contrari), prevede, tra le altre cose la riduzione del numero dei revisori nelle Asl, norme sui servizi sociali e a favore delle attività produttive, l'istituzione di un fondo a sostegno dei Comuni, l'ampliamento della fascia di esenzione dall'aumento dell'Irpef e la soppressione dell'Abecol, da cui "si avrebbe un risparmio di circa 1,2 milioni di euro".

POLEMICHE - L'iter che ha portato all'approvazione della legge è stato caratterizzato da polemiche e anche qualche momento di tensione a seguito della presentazione del maxi subemendamento presentato dall'assessore regionale al Bilancio, Alessandra Sartore, che ha fatto decadere tutti gli emendamenti e subemendamenti presentati dalle opposizioni e in particolare dal Movimento 5 stelle i quali hanno successivamente ritirato quelli 'ostruzionistici'. Dei quasi 5mila iniziali infatti ne sono stati votati circa 130, prima del provvedimento 'tombale' presentato dalla Giunta. Con il maxi subemendamento inoltre si è passati dai 47 articoli iniziali a 2 definitivi: il primo inizialmente emendato e il secondo - che è il maxi subemendamento stesso - composto da 150 commi. A protrarre la discussione fino a notte, infine, sono stati i circa 30 ordini del giorno presentati dopo la votazione del maxi subemendamento.

ESENZIONE IRPEF A 28MILA EURO - Si prevede l'esenzione per il 2014 dalla maggiorazione dell'aliquota dell'addizionale regionale all'Irpef, pari allo 0,6%, oltre che per tutti gli scaglioni di reddito superiori a 15.000 euro anche per i soggetti con reddito imponibile ai fini dell'addizionale regionale Irpef fino a 28.000 euro. Saranno esentati dall'aumento dell'Irpef 1,2 milioni di contribuenti. Un'ulteriore esenzione oltre ai 900 mila di soggetti fino a 15mila già esentati. La copertura della nuova esenzione Irpef sarà resa possibile grazie a una riduzione dei programmi di spesa relativi alle attività amministrative dell'ente per un totale di 39 milioni.

90 MILIONI PER I COMUNI DEL LAZIO - Si istituisce il Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio, con una dotazione di oltre 90 milioni di euro per il triennio, così ripartiti: 33.190.000 per l'anno 2014, 24.000.000 per l'anno 2015 e 34.500.000 per l'anno 2016. Tale Fondo sarà ripartito tra i Comuni in base al numero di abitanti, la capacità fiscale, gli indicatori di fabbisogno di infrastrutture nonchè, per i comuni con popolazione residente inferiore a 5.000 abitanti, si terrà conto della dimensione demografica. Una quota del fondo è destinata anche alla valorizzazione e promozione economica del litorale laziale. Con questo intervento, s'introduce una nuova stagione di relazioni finanziarie con le autonomie locali del Lazio.

RATEIZZAZIONE NON SOLO DEI DEBITI TRIBUTARI, MA ANCHE DEGLI EXTRATRIBUTARI - Si facilita la restituzione dei debiti maturati anche dagli enti locali nei confronti della Regione non solo di natura tributaria, ma anche per il recupero dei crediti e delle somme indebitamente corrisposti dalla Regione. La possibilità di rateizzare si estende fino a un massimo di sessanta rate.

RIDUZIONE DEGLI ORGANI DI CONTROLLO - Si prevede la riduzione del numero dei componenti degli organi di controllo anche per gli enti del servizio sanitario. In sintonia con le leggi nazionali di spending review, si riduce da cinque a tre il numero dei membri dei collegi sindacali delle aziende sanitarie, con una conseguente riduzione dei costi ma anche con un migliore efficientamento della macchina amministrativa. Secondo la proposta di legge d'iniziativa della Giunta, i tre membri dei collegi sindacali di Asl, Ares 118 e Irccs dovranno essere così designati: uno dal ministero delle Finanze e due dal Consiglio regionale a maggioranza qualificata. Per quanto riguarda le aziende ospedaliero-universitarie, invece, resta il riparto di un membro designato dalla Regione, uno dal Mef e uno dall'università. Grazie all'articolo approvato in commissione, si tagliano altre 42 poltrone e si risparmiano circa 630 mila euro all'anno in compensi.

ISTITUZIONE ALBO DEI DIRETTORI AMMINISTRATIVI - Si fissano regole più stringenti per la nomina dei direttori sanitari di Asl e aziende ospedaliere, Ares 118 e degli Irccs con una riduzione degli spazi di discrezionalità nelle nomine e un conseguente innalzamento delle qualifiche. Viene escluso dalla nomina a direttore generale di Asl e aziende ospedaliere 'chi, ritenuto responsabile di condotte dolose, sia omissive che commissive, sia stato condannato dalla Corte dei conti, anche con sentenza non definitiva''. Gli stessi requisiti di nomina e inconferibilità vengono estesi ai commissari sanitari.

AUTORIZZAZIONI PIU' SEMPLICI PER STRUTTURE SANITARIE PRIVATE - Vengono liberalizzate le procedure per il rilascio delle autorizzazioni alla realizzazione, ampliamento trasformazione e trasferimento delle strutture sanitarie private, legando il rilascio delle autorizzazioni solo alla verifica dei requisiti tecnici, gestionali e strutturali, e non a una valutazione regionale dei fabbisogni, in un'ottica di mercato.

REVISORE DEI CONTI UNICO - In linea con il contenimento dei costi degli enti, viene ridotto da tre a uno il numero dei componenti degli organi di revisione. La nuova disposizione che riguarderà i Consorzi di bonifica, l'Agenzia regionale per lo sviluppo e l''innovazione in agricoltura del Lazio (Arsial), l'istituto regionale di studi giuridici A.C. Jemolo, l'Istituto per le Ville Tuscolane (Irvit) e gli enti di gestione delle aree naturali porterà a una riduzione di ulteriori 54 poltrone. Si prevede, inoltre, la soppressione: dell'Agenzia regionale per i beni confiscati alle organizzazioni criminali del Lazio (Abecol). La soppressione si è ritenuta necessaria esistendo gia'' un apposito organismo nazionale che svolge le sue stesse funzioni. 1,2 milioni il risparmio annuo stimato; del Comitato tecnico-scientifico per l'ambiente, non operativo da anni. Le funzioni di tale comitato comunque saranno ricondotte alle strutture amministrative regionali che si occupano di ambiente; del Consorzio di gestione delle grotte di Pastena e Collepardo.

RIORGANIZZAZIONE DELL'ARPA - L'Agenzia regionale per la protezione ambientale potrà superare l'attuale gestione commissariale e provvedere, entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge, alla propria riorganizzazione interna con la nomina del direttore generale e dei due vicedirettori.

NORMA SU LAZIO SERVICE - Via libera anche alle modifiche alla legge regionale istitutiva di Lazio Service, la società che ha per oggetto sociale lo svolgimento di attività e servizi strumentali alle finalità- della Regione Lazio. La mission di Lazio Service viene così adeguata alla più recente normativa nazionale e comunitaria in materia di società in house.

OBBLIGO INVIO PIANI INDUSTRIALI PER SOCIETA' PARTECIPATE - Le società controllate dai Comuni e partecipate o finanziate dalla Regione hanno l'obbligo di inviare alla Regione il proprio piano industriale o di ristrutturazione della società per un'approvazione entro trenta giorni dalla trasmissione del piano.

UTILIZZO ARENILI PER FINALITA' TURISTICO-RICETTIVE - Si rafforza il coinvolgimento dei Comuni nella classificazione delle aree demaniali. Tra i compiti attribuiti ai comuni, in aggiunta a quelli relativi al rilascio, il rinnovo e la revoca delle concessioni relative alle aree demaniali marittime, rientrerà anche quello, finora in capo alla Regione, concernente la classificazione di tali aree, in relazione a determinati criteri.

SUAP TELEMATICO - Entro dicembre la Regione fornirà per la prima volta a tutti i Comuni del Lazio il nuovo sistema informatico unico per uniformare e accelerare su tutto il territorio i procedimenti e la modulistica per le imprese, semplificando il dialogo con la Pubblica Amministrazione ed eliminando complicazioni burocratiche e documenti cartacei. Il nuovo sistema informatico, denominato Suap telematico, dovrà essere adottato dai Comuni come strumento essenziale per superare la frammentazione e la poco funzionalità degli attuali sportelli unici per le attività produttive

CATALOGO DEI SINKHOLE - Si istituisce il primo catalogo regionale dei sinkhole, fenomeni naturali di sprofondamento che grazie alla mappatura potranno essere tempestivamente monitorate.

CONSULTA DEI LAVORATORI ATIPICI - Viene istituita la Consulta dei lavoratori atipici e dei libero professionisti e della Consulta dei servizi regionali dell'impiego quali organismi permanenti di consultazione in relazione alle politiche regionali in materia di lavoro.

NUOVA DISCIPLINA PER L'APPRENDISTATO - La norma concernente la disciplina sull'apprendistato consente alla Regione Lazio di regolamentare le tre forme di apprendistato: di primo livello, qualifica e diploma professionale, di secondo livello, professionalizzante o di mestiere e di terzo livello, alta formazione e ricerca. In particolare per l'apprendistato di terzo livello, per la prima volta dal 2003, la Regione Lazio ha definito le regole e gli accordi che consentono ai giovani tra i 18 e i 29 anni che frequentano l'università o un master o un dottorato di ricerca o un istituto tecnico superiore di poter lavorare e studiare contemporaneamente. Una nuova disciplina che valorizza l'esperienza del lavoro come strumento di crescita e acquisizione di competenze anche nel campo dell'alta formazione.

SOSTEGNO AL CREDITO PER LE INDUSTRIE CINEMATOGRAFICHE E L'AUDIOVISIVO - Istituzione di un fondo di rotazione per la concessione di prestiti a tasso agevolato per sostenere le industrie cinematografiche e audiovisive del Lazio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA PER SETTORE ATTIVITA' ESTRATTIVE MINERARIE - Si semplificano le procedure amministrative relative al settore delle attività estrattive minerarie, in particolare per quanto riguarda l'autorizzazione allo svolgimento delle attività, con la separazione delle funzioni d'indirizzo politico da quelle di natura gestionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Tragedia a Roma: trovato nella sua auto il corpo senza vita di Rocco Panetta

Torna su
RomaToday è in caricamento