Referendum, no a valanga anche a Roma. Nessun effetto Raggi: la sindaca supera l'esame

Dati in linea con i numeri nazionali. Il sì vince solo in due municipi. Sindaca: "Ora ricostruiamo il Paese. La nostra rivoluzione non si ferma, a Roma e in Italia"

La valanga del no con due sole eccezioni, il I e il II municipio. Come accaduto il 19 giugno scorso sono i due territori del centro della Capitale ad addolcire l'amara pillola della sconfitta dei partiti di governo. Così, se esame era, Virginia Raggi, che tanto si è spesa per bocciare la riforma costituzionale, lo ha superato indenne, senza grossi contraccolpi almeno nei numeri. Il timore infatti era quello di un'erosione pesante dei consensi evidenziati alle scorse amministrative, con conseguente processo a questi primi mesi di amministrazione.

I NUMERI - I numeri sono però abbastanza chiari. Al ballottaggio, lo scorso 19 giugno, Virginia Raggi trionfò con il 67,15 contro il 32,85 di Roberto Giachetti. Al I turno, l'area riferibile al sì del 4 dicembre si fermò 24,87. Ieri il no si è attestato al 59.42% contro il 40.58%. Un recupero, certo, ma senza quel crollo atteso da più parti, forse anche all'interno dei pentastellati.

I RISULTATI DI TUTTI I MUNICIPI

Il dato è in linea con i numeri nazionali e la resistenza del M5s viene confermata, se non accentuata, nei municipi. Le uniche eccezioni, come il 19 giugno scorso, sono il I e il II municipio. Qui vince il sì rispettivamente con 50.54% e i 52.42%. Semaforo rosso per la riforma costituzionale, invece, in tutti gli altri territori. 

La vittoria più netta nel VI municipio, lì dove l'affluenza è stata la più bassa: il no alle Torri ha sfondato il 70%. Un dato da leggere con la crisi che il Pd ha attraversato in quel municipio, dove è arrivato a sfiduciare l'ex minisindaco Marco Scipioni, finendo punito già al primo turno delle amministrative, quando non guadagnò neanche il ballottaggio. No sopra quota 60% anche nel IV, V, X, XI e XIV municipio. Nel resto delle circoscrizioni il risultato è al di sotto del dato nazionale, ma comunque lontano dagli smottamenti vaticinati da qualcuno. 

Respirano ed esultano molti consiglieri comunali. Il clima, negli ultimi giorni, si era fatto pesante. Da questa notte, secondo quanto trapela, c'è ancora più convinzione che la strada intrapresa sia quella giusta. "La vittoria ci rende più compatti", racconta a microfoni spenti una consigliera a Cinque Stelle. "Ora più che mai siamo con Virginia". Una linea che sembra quasi dettata dalla sindaca che su twitter scrive: "Hanno vinto gli italiani. Ora ricostruiamo il Paese. La nostra rivoluzione non si ferma, a Roma e in Italia".

Non cita Roma invece il presidente dell'Aula Giulio Cesare Marcello De Vito che analizza il voto su facebook guardando all'ambito nazionale: "Guardiamo con attenzione all'operato del presidente Mattarella. Non vogliamo più vedere governicchi, governetti ed ineletti vari. Basta. Abbiamo un potenziale straordinario di intelligenze, cultura, arte, valori morali e sociali. Vogliamo metterlo in campo e sfruttarlo appieno. Vogliamo che i cittadini possano scegliersi il loro Governo. Esattamente come hanno fatto ieri. Straordinari italiani". 

GLI SCENARI - Prima del voto c'era la certezza diffusa che, comunque finisse, da oggi 5 dicembre ci sarebbe stata una sorta di resa dei conti per la sindaca, con l'anticipo del tagliando annunciato da tempo da Beppe Grillo. Al momento, in queste ore, non sembra essere però questa la priorità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tuttavia il ragionamento di tanti, neanche tanto nascosto, è che ora più che mai i fari di tutti saranno puntati su Roma e sulla capacità di governo del M5S. Negli ambienti grillini in Parlamento, non è un segreto, manca la fiducia nella prima cittadina. Inversione di rotta (e quindi appoggio incondizionato, magari con l'innesto di uomini di fiducia imposti da Grillo) o redde rationem finale delle faide a cinque stelle? Nei prossimi giorni la verità. Tornano però alla mente le parole della senatrice Paola Taverna, "prima cade meglio è", riferite dal Senatore leghista Centinaio. Il referendum e la gioia per la vittoria avranno cambiato quest'idea?  
            

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus: a Roma 58 nuovi positivi, 2914 casi nel Lazio. Record di guariti nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

Torna su
RomaToday è in caricamento