Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Viaggio della Memoria, Raggi: "No all'indifferenza di fronte a nuove scintille di antisemitismo"

Il discorso della sindaca durante la cerimonia istituzionale nella sinagoga di Cracovia

 

"Un inferno sulla terra". Così la sindaca Raggi, durante la cerimonia istituzionale presso la sinagoga di Cracovia, ha definito i lager nazisti. Parlando ai 145 studenti arrivati da Roma per il Viaggio della Memoria, partito questa mattina, li ha esortati a conoscere e interrogarsi sugli orrori del passato. "Ogni nostra azione scrive una storia, quindi quando vediamo episodi che accadono nella nostra vita dobbiamo chiederci cosa possiamo fare, e mi riferiscono senza mezzi termini a recrudescenze di antisemitismo che ci sono non solo in Italia ma anche in Germania, in Francia".

Il riferimento della prima cittadina va agli ultimi episodi d'odio che hanno coinvolto, specie sui social network, la senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di sterminio, depositaria della mozione passata al Senato (con i parlamentari di centrodestra astenuti) per l'istituzione di una Commissione di monitoraggio su discorsi razzisti e antisemiti.  

L'incontro a sorpresa in Sinagoga con Pierluigi Bersani

"Viviamo in un mondo che vede riaccendersi qualche scintilla e purtroppo, sempre più di frequente, forse qualcosa in più. Questo significa che non possiamo rimanere indifferenti" dice ancora Raggi trattenendo la commozione. "Ogni nostra azione scrive una storia, quindi quando vediamo episodi che accadono nella nostra vita dobbiamo interrogarci, cosa posso fare io e mi riferisco senza mezzi termini a recrudescenze di antismetismo, che ci sono non solo in Italia ma anche in Germania, in Francia. L'indifferenza è una risposta. Anche rimanere indifferenti è prendere posizione. Io non credo che si possa restare indifferenti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento