Raggi si gioca la promessa di Di Maio per tenere buoni i sindacati: "Un tavolo per Roma"

Si riparte da un focus sui tagli di 50 milioni al tpl e sulla gara indetta dalla Regione per le ex concesse su cui i sindacati hanno ribadito la loro netta contrarietà

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio è pronto a convocare un nuovo tavolo per Roma. Virginia Raggi, nel giorno post batosta elettorale, si gioca la carta del suo capo politico, nonché azionista di riferimento del nuovo governo gialloverde. Lo fa in una riunione di giunta nella quale sono presenti anche i sindacati con i quali è necessario ricucire lo strappo. E sono proprio i tre leader della triplice, Michele Azzola, della Cgil, Paolo Terrinoni Cisl e Alberto Civica della Uil a dare la notizia all'uscita dalla riunione. 

Oltre Calenda è stata la promessa. Oltre quello che Raggi e la sua giunta consideravano un bluff, in cui si giocava con soldi finti. Stavolta - è l'impegno pentastellato - si fa sul serio. Al tavolo ci saranno la sindaca di Roma, Virginia Raggi e il tanto richiesto e mai visto (dai sindacati) assessore al Bilancio, Gianni Lemmetti: obiettivo parlare delle risorse necessarie a chiudere alcune crisi come quella di Multiservizi o RomaMetropolitane. Quindi un'altra serie di tavoli tematici congiunti, su rifiuti e trasporti, con Comune e Regione per "risolvere le problematiche sul campo senza rimpallo di responsabilità".

Il punto di partenza richiesto ai sindacati è la bocciatura del lavoro fatto con Calenda. Da qui la sindaca Raggi ha quindi comunicato di essere "pronta a riprendere il dialogo e di rafforzarlo" ma anche che per riuscirci devono anche essere chiare le varie responsabilità. Si ripartirà quindi da un focus sui tagli di 50 milioni al tpl e sulla gara indetta dalla Regione per le ex concesse su cui i sindacati hanno ribadito la loro netta contrarietà. Oltre che dal nuovo tavolo che convochera il ministro per lo Sviluppo economico, Luigi Di Maio.

I tre leader sindacali al termine della riunione con una dichiarazione congiunta hanno ribadito il loro punto di vista. "I problemi in campo sono sempre gli stessi la gestione dei rifiuti, la mobilità e il grande tema del lavoro chr coinvolge tra le altre le aziende Roma Multiservizi, RomaMetropolitane e le altre partecipate. Da tempo lamentiamo di non riuscire ad incontrare l'assessore al bilancio e al termine di questo incontro la sindaca si è impegnata ad aprire un tavolo proprio con Lemmetti per discutere di bilancio che ci auguriamo possano essere attivati nei prossimi giorni". 

"Abbiamo inoltre detto- hanno aggiunto- che siamo stufi dei rimpalli di responsabilità fra Comune e Regione. Su rifiuti e trasporti, ma anche sull'edilizia scolastica e altri temi, serve l'intervento di entrambe le Istituzioni. Basta con questo ping pong. È necessario attivare tavoli con la partecipazione di entrambe le istituzioni altrimenti siamo legittimati a pensare che sia in corso una guerra politica sulle spalle dei cittadini. Anche su questo ci hanno detto di essere pronti ad aprire tavoli con la Regione per risolvere le questioni sul tavolo". 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

Torna su
RomaToday è in caricamento